Home
Fotografare per Instagram: in aula dopo Papua

07 Gennaio 2020

Fotografare per Instagram: in aula dopo Papua

di

Il docente del nostro prossimo corso in ambito fotografico ha appena lavorato a un progetto irrinunciabile e ha ancora più da dire, così come da mostrare.

Un’occasione unica in un luogo incontaminato

Sono stato costretto a posticipare il corso Fotografare per Instagram per via di un lieto imprevisto di lavoro.

L’ufficio turistico nazionale dell’Indonesia mi ha infatti contattato per documentare l’arcipelago di Raja Ampat nella Papua Occidentale. È la prima volta che l’Indonesia sponsorizza un viaggio in questa località; per raggiungere Raja Ampat sono necessari due voli interni e un viaggio in traghetto di 5/6 ore dal porto di Sorong verso l’isola di Waigeo, la più grande dell’arcipelago, che funge da base per esplorare le tante isole paradisiache. Quindi era un’occasione da non perdere per fotografare uno dei luoghi più remoti al mondo.

Fotografare per Instagram, il libro arriva a Papua

“Fotografare per Instagram” dove probabilmente non era mai arrivato prima!

Non si finisce mai di imparare

Ho avuto la fortuna di lavorare in compagnia di Paolo Giocoso, un fotografo esperto che lavora con la rivista Dove Viaggi. Osservare il suo approccio al Paese, differente dal mio, mi ha fornito spunti interessanti. Soprattutto la possibilità di confrontarmi sui vari soggetti da fotografare è stato stimolante.

Anche se scrivo manuali credo ci sia sempre da imparare; uno dei consigli che do sempre ai fotografi che mi contattano è restare umili. È un errore comune perdersi nella propria prospettiva e convincersi che le nostre foto sono perfette o migliori; la fotografia è condivisione, la visione fotografica per migliorare deve essere continuamente raggiunta da nuovi spunti. Anche per questo motivo il viaggio a Raja Ampat ha arricchito la mia visione fotografica.

L’equipaggiamento di un fotografo che viaggia è diverso da quello di un viaggiatore che fotografa

Prima di partire mi sono documentato sulla destinazione in modo scegliere l’attrezzatura più adatta. Alla fine ho optato per un obiettivo 16-35 millimetri, un obiettivo 85 millimetri e un drone.

Fotografia con drone

Il fotografo di oggi viaggia con un drone, per arrivare anche dove non si penserebbe possibile.

Il grandangolo è servito per catturare i paesaggi paradisiaci ed avere una visione estesa; molto importante è stato abbinargli un polarizzatore. Essendo l’acqua un elemento dominante nel paesaggio, con il polarizzatore ho potuto eliminare i riflessi e dare una migliore visione anche del fondale; con acque così chiare e cristalline sarebbe stato un peccato non mostrare le sfumature del fondale nello scatto.

Raja Ampat è natura selvaggia e il governo Indonesiano ha limitato le strutture al minimo per preservare quello che è definito l’ultimo paradiso sulla terra. Per questo motivo molti punti sono difficili se non impossibili da esplorare a piedi; avere un drone è stato quindi fondamentale per vedere luoghi che non avrei mai potuto raggiungere con la fotocamera. I volti degli abitanti della Papua sono infine molto caratteristici e non avrei potuto partire senza portare con me un 85 millimetri per i ritratti.

Ritratto da Papua

Un posto dove scattare ritratti intensi e caratteristici.

Il peso di un reportage fotografico e della sua finalizzazione

Sono tornato dall’Indonesia con 63 gigabyte di sole fotografie in formato Raw; la mia a7R III Sony, con i suoi 42 megapixel, produce file Raw sui 40 megabyte ciascuno. Fanno circa 170 foto al giorno che, considerando gli scatti di prova per verificare l’esposizione, l’intensità delle giornate ed i luoghi visitati, non sono molte. Ma con l’esperienza si tende a fotografare sempre meno e dedicare più tempo alla creazione e cura della singola immagine.

Per la post-produzione, ho aspettato di rientrare. In viaggio preferisco dedicare tutto il tempo che ho a disposizione a vivere l’esperienza. Non porto mai con me il PC a meno che non si tratti di un viaggio molto lungo. Mi limito ad un editing veloce con il telefono, giusto per mostrare alcuni luoghi durante il viaggio nelle storie di Instagram, soprattutto quando vedo territori che mi lasciano senza fiato e non vedo l’ora di condividere con le persone che mi seguono. Per l’editing professionale ho tutto il tempo di aspettare il ritorno a casa, dove con un po’ di musica ad accompagnare il lavoro passo tranquillamente ore a lavorare le immagini, a volte perdendo la cognizione del tempo.

Un viaggio che volevo non finisse mai

Nel breve tempo che ho visitato il Paese sono stato travolto da spunti fotografici; avrei voluto senz’altro trattenermi ed esplorare non solo le isole ma anche l’entroterra della Papua Occidentale.

Il fotografo al lavoro

Al lavoro in un ambiente indimenticabile.

Essendo un territorio non abituato al turismo di massa, le reazioni delle persone al viaggiatore sono molto genuine e stimolanti da catturare in camera. Anche la natura così unica, con isolotti dalle forme singolari che ricordano cupcake, aggiungono quell’elemento di novità che cattura anche un viaggiatore navigato. Purtroppo non dipendeva da me, in quanto era un viaggio organizzato dall’ente del turismo, altrimenti avrei continuato volentieri l’esplorazione.

Qualcosa in più che porterò al corso dopo questa esperienza

Ho grande entusiasmo di condividere quello che la fotografia ed il viaggio mi stanno insegnando e questa esperienza – dopo un periodo di stop dai viaggi a causa di un infortunio – mi ha sicuramente donato nuove energie e voglia di portare alle persone l’esperienza assorbita negli anni. Quindi non vedo l’ora di poter trasmettere nel corso la mia passione per la fotografia.

Non mancherà neanche qualche consiglio specifico che darei a chi parte per una avventura analoga alla mia. Il primo consiglio è partire con un filtro polarizzatore: Raja Ampat ha la più alta biodiversità marina ed il più alto numero di coralli al mondo. Sarebbe un peccato non catturare il fondale.

Un paesaggio dove l’elemento acquatico è prominente consiglia l’uso di un filtro polarizzatore.

Consiglierei attrezzatura per fotografare sott’acqua quello che è sicuramente uno degli ambienti marini più ricchi e affascinanti al mondo. E infine, come sempre, studiare con accuratezza la destinazione prima di partire: ognuno di noi ha un approccio ed esigenze fotografiche differenti e il modo migliore per non avere rimpianti è partire bene documentati.

unsplash-logoImmagine di apertura di Alyani

L'autore

  • Roberto Cassa
    Roberto Cassa è un giovane fotografo specializzato in reportage e fotografia di viaggio. Dal 2014 si è lanciato in diversi progetti avventurosi in giro per il mondo, a volte con mezzi non scontati, come la bicicletta o il monopattino. Collabora con riviste, aziende leader nel settore della fotografia e dello sport, agenzie e uffici turistici organizzando anche viaggi fotografici con l'autore. Racconta le sue avventure sul suo blog, su Instagram e Facebook dove ha conquistato rispettivamente circa 25.000 e 48.000 follower.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.

Corsi che potrebbero interessarti

Tutti i corsi
fotografare_per_instagram-home-3 Corso In aula

Fotografare per Instagram

La tua galleria Instagram non ti rispecchia e le tue fotografie non riescono a trovare il pubblico che vorresti? Guardi le foto dei tuoi competitor e non sai come fare per apparire come loro? Il corso di Roberto Cassa è quello che ti serve.

199,00

Milano - 30/1/2020

con Roberto Cassa

corso-data-governance Simone Aliprandi Corso In aula

Data governance: diritti, licenze e privacy

I dati sono ovunque intorno a noi ma per poterli utilizzare in sicurezza bisogna confrontarsi con temi complessi che riguardano licenze, proprietà intellettuale e privacy. Se non ti senti sicuro o hai paure di prendere la decisione sbagliata, il corso di Simone Aliprandi fa per te.

349,00

Milano - 31/1/2020

con Simone Aliprandi

Fare_una_strategia_di_Content_Design-home Corso In aula

Fare una strategia di Content Design

Progettare contenuti che facciano sposare felicemente obiettivi aziendali e bisogni delle persone: un sogno? No, realtà: Nicola Bonora ti spiega quali processi, metodi e strumenti usare.

249,00

Milano - 28/5/2020

con Nicola Bonora


Libri che potrebbero interessarti

Tutti i libri

Fotografare per Instagram

Tecniche di scatto, post-produzione e comunicazione

16,92

19,90€ -15%

di Roberto Cassa

Instagram Marketing

Guida strategica per la comunicazione e l'advertising

22,50

32,89€ -32%

16,92

19,90€ -15%

6,49

12,99€ -50%

di Chiara Cini

Dal tramonto all'alba

Guida alla fotografia notturna

25,42

29,90€ -15%

di Glenn Randall


Articoli che potrebbero interessarti

Tutti gli articoli