⚠️ Black Weekend: - 40% su tutti gli EBOOK e i CORSI

Dal 27 al 30 novembre

Sfoglia il catalogo ebook
Home
Fotografare con la luce naturale: 5 consigli per ottimi ritratti alla finestra

18 Novembre 2020

Fotografare con la luce naturale: 5 consigli per ottimi ritratti alla finestra

di

Puoi ottenere bellissimi scatti in tutte le condizioni, con poca spesa e la tecnica giusta.

Come hanno fatto in pittura i maestri olandesi

Anche se ti sei appena avvicinato alla fotografia, scommetto avrai già sentito dire che la luce delle finestre è la migliore. Ma, in realtà, non è proprio così.

Il mito della luce della finestra è nato con i famosi maestri olandesi. Ma un pezzo di vetro trasparente non può improvvisamente catturare la luce del sole e in qualche modo plasmarla in una luce morbida e soffusa. Non è il vetro: è il tipo di finestra. Con l’esperienza ti accorgerai che i telai di legno portano luce diversa da quelli in acciaio, per esempio, o in vinile.

Fotografare con la luce della finestra si può fare e molto bene; non è detto che le condizioni siano ideali. Ti do qualche suggerimento per raggiungere più rapidamente risultati apprezzabili.

Perché la luce diretta della finestra spesso non è una buona luce

Se sei mai stato all’aperto e hai osservato la luce del sole, sai già che si tratta di una fonte di luce piuttosto dura. Quando la luce del sole colpisce una persona che stai cercando di fotografare non produce un bell’effetto. Avrai luci dure e nette sul volto del soggetto e questo non gli donerà certo.

Ora, che cosa succede se posizioni un pezzo di vetro trasparente tra il soggetto e il sole? Beh, purtroppo non cambia proprio niente, dato che la luce diretta del sole non ha problemi ad attraversare il vetro trasparente e, quando lo fa, è dura e sgradevole più che mai.

Questo confonde molti fotografi perché probabilmente avrai sentito dire per anni che la luce della finestra è la luce più bella per i ritratti. È quella che i maestri olandesi del Seicento utilizzavano per illuminare i soggetti dei loro dipinti e la loro luce era leggendaria, giusto? Giusto.

La luce della finestra non è la migliore

Se questa luce ti sembra la migliore possibile per fotografare, ho ancora qualcosina da insegnarti. Dimmi se vedi differenze con il ritratto alla fine dell’articolo.

Ma questo perché avevano dei metodi per trasformare i raggi taglienti del sole in una luce piacevole e morbida. Tutto però comincia con il capire che la luce proveniente dalle finestre, nella maggior parte dei casi, non è una luce gradevole e soffusa.

Una volta che hai capito questo, e che hai capito di essere tu ad avere il compito di rendere la luce del sole morbida e piacevole, sei sulla strada giusta per ottenere alcuni tra i tuoi ritratti migliori.

Iscriviti alla nostra newsletter

Consiglio 1: allontanati dalla finestra

Se hai la luce dura del sole che passa attraverso la finestra, un modo facile e veloce per ottenere una qualità migliore è allontanare il soggetto dalla finestra.

Quando il soggetto vi si trova molto vicino, è colpito dalla luce in piena forza. Quindi, facendolo posizionare semplicemente più lontano dalla fonte d’illuminazione, la luce si ammorbidisce e più il soggetto si allontana dalla finestra, più la luce diventa morbida e piacevole.

Comincia spostandoti a una distanza di circa due metri e scatta una foto di prova. Osserva con attenzione le ombre che si creano sul volto del soggetto e assicurati che siano morbide. Se sono ancora nette, significa che non ti sei allontanato a sufficienza.

Allontanati dalla finestra

Lontano dalla finestra hai meno problemi con la luce che proviene da essa. Purché ne sia rimasta a sufficienza.

Man mano che ti allontani dalla finestra, la luce diventa più morbida e piacevole, ma diventa anche più buio (come quando ti allontani da una lampada: più sei distante, minore è l’illuminazione, giusto?). Quindi, fai attenzione che il tempo di posa non diminuisca eccessivamente, in modo da non trovarti con fotografie che hanno una luce morbida e gradevole, ma sono sfocate.

Consiglio 2: fotografie con sfondi dipinti

Se cerchi uno stile da antichi maestri per i tuoi ritratti, puoi prendere in considerazione la possibilità di fotografare con uno sfondo dipinto alle spalle del soggetto. Come l’illuminazione in stile Rembrandt, è molto popolare anche utilizzare sfondi dipinti e, in effetti, al momento è proprio una moda.

Gli sfondi che utilizzo io sono di Gravity Backdrops e non puoi immaginare quanto li adori, soprattutto perché posso acquistarli allo stesso prezzo che pagherei altrove per noleggiarne uno per un weekend.

Metti uno sfondo dipinto dietro al soggetto

Uno sfondo dipinto dietro al soggetto: facile, veloce, economico, di impatto.

A ogni modo, l’idea è lasciare che la luce della finestra che illumina il soggetto colpisca anche lo sfondo, creando un ritratto molto dinamico. Puoi acquistare un set di supporti e l’asta che va posizionata tra questi (quella che sorregge il rotolo dello sfondo). I due morsetti d’acciaio che sorreggono lo sfondo costano pochi euro.

Consiglio 3: aggiungere un riflettore

Quando si utilizza la luce proveniente dalla finestra si ha una fotografia con una sola fonte d’illuminazione. Hai la luce proveniente dalla finestra e il lato del volto del soggetto opposto alla finestra sarà in ombra (tanto o poco, a seconda della direzione in cui guarda).

Personalmente, amo le ombre, perfino quelle scure, amo la profondità, la dimensione e la drammaticità che donano a un ritratto (è una delle cose che mi piace di più dei ritratti alla finestra).

Ma, se ti sembra che le ombre siano troppo scure, puoi aprirle e rivelare più dettagli semplicemente posizionando un riflettore sul lato in ombra del soggetto, così che un po’ della luce si rifletta sul viso. Questo espediente aprirà decisamente le ombre, quasi come se avessi aggiunto una luce morbida di riempimento, e la cosa migliore è che questi riflettori sono piuttosto economici: puoi comprarne uno pieghevole da mezzo metro circa, double-face (oro e argento).

Aggiungi un riflettore

Anche per chi ama le ombre, come me, capita di volere riflettere sul viso del soggetto parte della luce.

Per riflettere la luce della finestra quando ti trovi al chiuso utilizzerai il lato argentato (il lato oro serve per l’utilizzo all’aperto più tardi nel corso della giornata). Se pensi che il lato argentato rifletta troppa luce, anziché acquistare un riflettore oro/argento comprane uno argento/bianco, che riflette molta meno luce.

Consiglio 4: scegliere il giusto bilanciamento del bianco

Potrebbe sembrare piuttosto ovvio, ma generalmente per ottenere un incarnato dai toni migliori in una fotografia alla finestra bisogna impostare il bilanciamento del bianco della fotocamera sul sole diretto (o Daylight).

Se fai una fotografia di prova e l’immagine appare troppo blu, forse stai scattando un ritratto alla finestra più drammatico, oppure fuori è nuvoloso e questo influenza il colore della luce. In questo caso, puoi provare a impostare il bilanciamento del bianco su ombra (o Shade), ma, di nuovo, fallo solo se noti che il soggetto nello scatto ha una tinta bluastra. Questo riscalderà l’immagine e neutralizzerà la tinta blu.

Scegli il giusto bilanciamento del bianco

Attenzione alla tinta blu o ai toni dell’incarnato: il bilanciamento del bianco è importante.

Consiglio 5: forse ti serve un treppiede

Dal momento che stiamo scattando lontano dalla luce diretta (che sia lontano dalla finestra, dietro di essa, o da una finestra esposta a nord), la luce con cui fotografiamo non è estremamente accesa (è soffusa e piacevole, ma non accesa).

Quindi, se fotografi in condizioni di scarsa illuminazione come questa, potresti considerare l’idea di utilizzare un treppiede. Senza un treppiede, corri il rischio di ottenere immagini sfocate perché la luce proveniente dalla finestra è troppo debole, cosa che potrebbe far aumentare il tempo di posa fino a valori che renderebbero difficile ottenere uno scatto nitido fotografando con la macchina in mano.

Aiutati con un treppiede

È bellissimo imparare a controllare il corpo e restare esattamente immobili quando si scatta. Se la luce è debole, tuttavia, nessuno può battere un treppiede.

Quando si utilizza la luce di una finestra, ogni scenario è differente, quindi non posso garantirti che dovrai utilizzare un treppiede. Ma, fossi in te, ne vorrei uno sempre a disposizione. Meglio averne uno con sé e non doverlo usare, che averne bisogno e doverne fare a meno.

Un bel ritratto alla finestra

Ritrarre davanti a una finestra, se sai come fare, ti dà delle carte in più per ottenere ottimi risultati. Come ti sembra questo ritratto, rispetto a quello all’inizio dell’articolo?

Questo articolo richiama contenuti dal capitolo 3 di Fotografare con la luce naturale.

Immagine di apertura originale di Scott Kelby.

L'autore

  • Scott Kelby
    Scott Kelby è tra i principali divulgatori al mondo nel campo della manualistica fotografica, nonché editore dell'acclamata rivista Photoshop User. È conduttore del talk show The Grid e tiene workshop e seminari di fotografia digitale in tutto il mondo. Autore pluripremiato, nel corso della sua carriera ha scritto oltre 90 libri.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.

Corsi che potrebbero interessarti

Tutti i corsi
Fare_una_strategia_di_Content_Design-home Corso Online

Fare una strategia di Content Design

Progettare contenuti che facciano sposare felicemente obiettivi aziendali e bisogni delle persone: un sogno? No, realtà: Nicola Bonora ti spiega quali processi, metodi e strumenti usare.

149,40

con Nicola Bonora

corso-data-governance Simone Aliprandi Corso Online

Data governance: diritti, licenze e privacy

I dati sono ovunque intorno a noi ma per poterli utilizzare in sicurezza bisogna confrontarsi con temi complessi che riguardano licenze, proprietà intellettuale e privacy. Se non ti senti sicuro o hai paure di prendere la decisione sbagliata, il corso di Simone Aliprandi fa per te.

179,40

con Simone Aliprandi

scrivere per lavoro-home Corso In aula

Scrivere per lavoro

Scrivere per te è faticoso e quando lo fai per lavoro la fatica è doppia? Pensi di non riuscire a comunicare nel modo giusto e non sai dove trovare la creatività per essere originale oltre che chiaro? Il corso di Simona Sciancalepore ti viene in aiuto.

con Simona Sciancalepore