Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti
Home
FBI: ancora dito puntato contro le aste online

08 Marzo 2001

FBI: ancora dito puntato contro le aste online

di

Un rapporto appena pubblicato dalla FBI conferma un fenomeno già descritto e ripreso da altre indagini e su questa rubrica. Le aste on line sono il luogo virtuale prediletto dai truffatori.

Due terzi delle Internet denunce approdate al FBI sono infatti legate a frodi rifilate al miglior offerente. Il truffato medio ha pagato per un articolo che mai gli è stato consegnato. In media l’ammontare della cifra persa è di 233 dollari.

Il mese scorso due cyber-truffatori della Louisiana sono stati condannati a 21 e 30 mesi di carcere per aver truffato acquirenti di computer e Beanie Babies (?) per più di 20mila dollari. Avevano piazzato gli articoli nella sezione aste di Yahoo e avevano ingannato 33 utenti.

Le altre truffe avvengono su siti minori di cui spesso si perdono le tracce digitali dopo l’acquisto e di cui diventa subito impossibile rintracciare i gestori. L’Internet Fraud Complaint Center del FBI ha totalizzato in sei mesi di attività 37,5 milioni di visite. Sono state inserite oltre 20mila denunce.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.