RISPARMIA IL 15% SU TUTTI I CORSI

Fino al 31 agosto con il codice sconto CORSARO

Scegli il tuo corso e iscriviti!
Home
Fa ancora parlare di sè Matt Drudge, stavolta in TV

18 Novembre 1999

Fa ancora parlare di sè Matt Drudge, stavolta in TV

di

Matt Drudge, meglio noto come “reporter Internet dei pettegolezzi” per aver ripetutamente portato alla luce scandali veri e presunti dei politici di Washington, torna a far parlare di sè. Stavolta per essersi rifiutato di apparire nel suo programma TV all’interno del network Fox News dopo che i responsabili di quest’ultima gli avevano proibito di mostrare in TV la foto di un feto di 21 settimane che subisce un’operazione chirurgica. In pratica, la solita campagna-shock degli anti-abortisti, tra cui si annovera anche Matt Drudge. Il quale si è ovviamente affrettato a gridare alla censura, ritenendo comunque ingiustificate le preoccupazioni dell’emittente secondo cui egli avrebbe potuto usare la foto ad erronea testimonianza di un aborto. Secca la replica dei dirigenti della Fox: “Quella foto tratta dal National Enquirer (rivista scandalistica e spesso poco credibile) sarebbe stata presa a esempio di alcune pratiche mediche abortiste.”

Dal giugno 1998 Matt Drudge gestisce uno spazio ogni sabato sul network Fox, offrendo un miscuglio di commentari personali e interventi di ospiti esterni. Il tutto seguendo un po’ la falsariga delle rivelazioni sull’affaire Clinton-Lewinsky che, pubblicate in anteprima sul suo sito quando nessun’altra testata voleva ancora crederci, gli valsero una certa fama in tutto il mondo.

L'autore

  • Bernardo Parrella
    Bernardo Parrella è un giornalista freelance, traduttore e attivista su temi legati a media e culture digitali. Collabora dagli Stati Uniti con varie testate, tra cui Wired e La Stampa online.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.