Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti al corso sui Big Data
Home
Europa e Asia guidano lo sviluppo del Mobile Internet

08 Giugno 2001

Europa e Asia guidano lo sviluppo del Mobile Internet

di

Un'analisi di PriceWaterHouse Coopers esalta le potenzialità del wireless nel Vecchio Continente e gli Usa puntano sul wireless voice contro il wireless data. Le previsioni sulla pubblicità wireless. Il punto su UMTS. Uscito il Trium Mondo Mitsubishi.

L’edizione annuale di Technology forecast 2001-2003 di PriceWaterHouseCoopers, conferma uno svantaggio degli USA nel settore del mobile. L’Europa e l’Asia stanno guidando lo sviluppo di reti wireless, sperimentando l’utilizzo di applicazioni avanzate mobile-Internet.

L’accesso a Internet dal cellulare sembra avere infatti potenzialità illimitate di cambiare il modo di fare business. A una condizione: lo sviluppo tempestivo di nuove applicazioni progettate appositamente per il sistema della telefonia mobile.

Lo sviluppo del mobile-Internet, sottolinea il rapporto, richiede nuove applicazioni che vanno oltre il semplice accesso al Web dal telefonino. Grazie alla velocità consentita dalle tecnologie mobili, Gprs e di terza generazione, si potranno utilizzare anche i piccoli ritagli di tempo per svolgere attività professionali o personali.

In futuro si moltiplicheranno applicazioni location aware, che permettono a un turista di individuare il ristorante più vicino o che offrano a un negozio la possibilità di informare chi si trova nelle vicinanze sulle offerte speciali.

Secondo la società di ricerca per ora le reti 2,5G, a cominciare dal Gprs (General packet radio service), saranno le vere protagoniste dei prossimi due anni, nonostante tutta l’attenzione che suscita la tecnologia 3G, cioè di terza generazione (Umts).

USA: wireless data o wireless voice?

Nelle relazioni di apertura del Supercomm 2001 di Atlanta, uno degli eventi più attesi dedicati alle nuove tecnologie della comunicazione, “pezzi grossi” come il CEO di Verizon Wireless e quello di Cingular (cioè due dei principali colossi del settore), hanno affermato che il wireless sarà trainato dai sistemi voice e non da quelli data.

Per i prossimi anni, saranno quindi i servizi vocali a trainare l’industria del wireless in America. Questa previsione non stupisce se si pensa all’eccezionale successo che dagli anni ’80 i servizi di audiotext hanno riscosso in USA, generando un giro di affari di centinaia di milioni di dollari.

Si ritiene infatti che il pubblico preferisca questo genere di utilizzo e che se la telefonia mobile di terza generazione permetterà una trasmissione di dati di altissima qualità anche i servizi vocali potranno trarne beneficio migliorando sempre il livello della prestazione.

La pensa diversamente Gartner Dataquest che afferma che il mercato del wireless data americano passerà da 7.3 milioni nel 2000 a 137.5 milioni nel 2005.

Le previsioni sulla pubblicità wireless

Il centro di ricerca americano WindWire rileva buone prospettive per la pubblicità sul telefonino. Il Web gratis finanziato dalla pubblicità non è stato molto redditizio negli Usa e nemmeno in Europa, ma il modello di business potrebbe essere riproposto sul mobile.

I dati sull’Internet mobile sono infatti molto promettenti, in continua crescita gli utenti, che saranno presto più connessi via wireless devices che via PC. A fine 2000 gli utenti Wap, nonostante i limiti del servizio, erano già 37 milioni; l’analogo servizio sviluppato in Giappone dalla DoCoMo, l’i-mode, dovrebbe raggiungere a fine 2001 i 17 milioni di abbonati. Ma soprattutto impressionano le cifre del fenomeno Sms: 365 milioni di utenti nel mondo e l’obiettivo di superare quota 500 milioni entro il 2001.

Gli interessi su questi numeri emergono dalla ricerca “FirstToWireless” pubblicata dal centro studi statunitense WindWire, che mette insieme dati e informazioni provenienti da diverse fonti autorevoli.

Secondo le stime di Ovum, la pubblicità wireless è destinata a quadruplicarsi: tra il 2003 e il 2005 passerà da 4 a 16 miliardi di dollari. Un nuovo enorme mercato sta insomma iniziando a spalancarsi davanti agli operatori vecchie e nuovi del settore.

WindWire ha rilevato, su un campione di utenti di telefonini americani, che la maggioranza degli utenti sceglierebbe di avere messaggi pubblicitari direttamente sul proprio cellulare in cambio dell’accesso gratuito al Web nella modalità mobile. Chi è preoccupato della propria privacy, inoltre, chiede alcuni limiti ma solo in un ridotto numero di circostanze.

Il punto su UMTS

Le autorità tedesche permetteranno ai sei vincitori delle licenze Umts tedesche una condivisione di alcune infrastrutture, ponendo le premesse per una riduzione dei costi per gli operatori carichi di debiti.

La RegTP – authority tedesca delle telecomunicazioni – ha detto infatti che sarà permessa la condivisione delle stazioni radio base e delle torri e delle antenne che le sovrastano.

Viag Interkom, società controllata dalla britannica Bt che ha vinto una delle licenze, ha già calcolato che questa decisione consentirà risparmi del 20-30% negli investimenti, pari a miliardi di dollari di valore.

Intanto la Francia convalida le licenze di Orange e Sfr e prevede una nuova tornata entro giugno 2002 per assegnare le due frequenze invendute.

Continua quindi nei vari Paesi del mondo la corsa verso il telefono cellulare di terza generazione, dopo le gare concluse con incassi colossali per i conti pubblici di Germania e Inghilterra e con “flop” come in Italia e Olanda.

Intanto la sperimentazione avviata in Giappone da NTT DoCoMo per i servizi di telefonia mobile 3G è partito male. Dopo poco tempo da quando è stato lanciato, inizialmente riservato a 4500 terminali nella zona di Tokyo, si sono presentati i primi problemi tecnici con interruzioni di molte ore.

In America Nokia e At&T stanno sperimentando standard digitali 3G per audio e video streaming su cellulari, PDA, laptop. Le due compagnie stanno lavorando sulla tecnologia Enhanced Data Rates for Global Evolution (EDGE), ma investono ovviamente anche su UMTS.

Uscito il Trium Mondo Mitsubishi

Arriva sul mercato Trium Mondo, novità della telefonia mobile, telefono e PDA compatibile con la tecnologia GPRS targato Mitsubishi. Sarà da lunedì 11 giugno sugli scaffali dei negozi.

Le dimensioni sono di 139,5 x 84 x 19 mm ed il peso è vicino ai 200 grammi; il display è di 240 x 320 pixel di tipo touchscreen a 16 livelli di grigio, retroilluminato da luce di color blu. Con la base per alloggiarlo lo si può contemporaneamente caricare e far comunicare con il PC, grazie ad un software compreso.

Le caratteristiche più interessanti: è un GSM dual band provvisto di diverse funzioni telefonino e Wap. La parte PDA è dotata di sistema operativo Windows CE 3.0 che consente, per questo, le sue classiche funzioni. Inizialmente la tecnologia GPRS non sarà disponibile ma, in un secondo momento, si potrà eseguire un aggiornamento (solo software) che “abiliterà” questa funzione.

Il prezzo del Mondo sarà di 1.590.000 lire.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.