Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti
Home
Esce il rapporto FBI sui crimini informatici: aumentano le perdite per aziende e governo

10 Aprile 2002

Esce il rapporto FBI sui crimini informatici: aumentano le perdite per aziende e governo

di

È tempo di consuntivi per il settore informatico. Se le cose non sono andate bene per aziende e borsa della nuova economia, i risultati sul piano della sicurezza sono ancora peggiori.

Secondo uno studio realizzato dall’Istituto per la sicurezza informatica e FBI, lo scorso anno la criminalità informatica è costata miliardi di dollari ad aziende americane e organizzazioni governative, con un aumento consistente rispetto al 2000.

Il “Rapporto 2001 sui crimini informatici e la sicurezza” mostra che gli attacchi a mezzo virus e altre infrazioni alla sicurezza informatica sono in aumento negli Stati Uniti.

“I risultati del rapporto di quest’anno – dice il direttore dell’ufficio FBI della California del nord, Bruce Gebhardt – mostrano ancora la serietà e la complessità del crimine informatico”.

“Le vulnerabilità legate agli affari online – prosegue il direttore FBI – restano una sfida per la polizia”.

Dopo aver chiesto a 538 esperti in sicurezza informatica che lavorano per associazioni, agenzie governative e università, gli autori del rapporto sono giunti alla conclusione che le aziende e altre organizzazioni perdono milioni di dollari ogni anno a causa della criminalità informatica.

Dati per altro incompleti, visto che solo il 35 % delle persone interpellate ha accettato di divulgare i dati sulle loro perdite che ammontano, complessivamente, a 377,8 milioni di dollari nel 2001.
Una cifra che rappresenta un aumento di circa 265,6 milioni di dollari rispetto alle perdite registrate in uno stesso rapporto relativo al 2000.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.