Home
Effetti psicologici del millennium bug

29 Dicembre 1999

Effetti psicologici del millennium bug

di

Le compagnie telefoniche statunitensi temono gli effetti psicologici del millennium bug, non quelli tecnologici. Il maggior timore riguarda infatti la possibilità di super-intasamento dei circuiti intorno alla mezzanotte del 31 dicembre. Ma ciò non tanto per fare i classici auguri a parenti e amici vicini e lontani, quanto piuttosto per ascoltare il rassicurante segnale di libero dalla cornetta telefonica. O meglio, per verificare al volo che l’apparecchio e le linee funzionino correttamente. A prevenzione del tutto, questo il chiaro avviso diffuso da un portavoce di Sprint: “Andiamo dicendo alla gente di non preoccuparsi di dover tirar su il telefono a mezzanotte, perché se tutti dovessero farlo allo stesso istante, è chiaro che ci saranno dei problemi.”

Preoccupazioni anche alla BellSouth, dove si teme l’ingolfamento della rete locale a danno delle possibili chiamate di emergenza. In tal caso, i dirigenti della società sono pronti a ricorrere addirittura alla tempestiva trasmissione di dispacci radio-TV per invitare i residenti a desistere da chiamate non strettamente necessarie o da inutili verifiche. A scanso di equivoci, i responsabili di AT&T affrettano a diffondere comunicati in cui si chiarisce come tutto ciò “non abbia nulla a che fare con i problemi causati dal Y2K”. Problemi che in ogni caso un po’ tutte le compagnie telefoniche si dichiarano attrezzate a fronteggiare, aiutate dal fatto che il capodanno cade nel week-end, quando cioè l’attività lavorativa è assai ridotta o del tutto assente.

L'autore

  • Bernardo Parrella
    Bernardo Parrella è un giornalista freelance, traduttore e attivista su temi legati a media e culture digitali. Collabora dagli Stati Uniti con varie testate, tra cui Wired e La Stampa online.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.