Home
Editori o rivenditori

08 Giugno 2012

Editori o rivenditori

di

Aggirare la disintermediazione imposta da Internet è fattibile, ispirandosi a una categoria specifica di aziende.

È luogo comune che Internet significhi l’affermarsi della disintermediazione fisica. Le catene di fornitura si abbreviano drasticamente in cerca della strada più breve tra produttore e consumatore e le catene di vendita, meglio se grosse, sembrano l’unica forma di vita commerciale capace di svilupparsi nel nuovo ecosistema con l’ecommerce di mezzo.

Il cahier de doléances si allunga quotidianamente: le cose non funzionano da sole come prima. I negozi di dischi vendono sempre meno Cd. Un sito si intitola Newspapers Death Watch e pubblica notizie come Newspapers Are Fastest-Shrinking U.S. Industry. Sono volutamente riportati link di un mercato molto più grande del nostro, a sottolineare la globalità delle tendenze.

E la disintermediazione colpisce mercati che sembrerebbero gli ultimi a soffrire. Nel mondo dell’elettronica di consumo, Apple spinge più di ogni altra azienda verso il rapporto diretto con i clienti e il mestiere del rivenditore autorizzato si fa sempre più impegnativo. In Francia, da capire se avanguardia di un fenomeno o meno, alcune catene di rivendita hanno gettato la spugna e/o denunciato Apple per concorrenza sleale.

C’è speranza? A leggere lo State of the News Media 2011 parrebbe di no. Eppure, se Warren Buffett acquista 89 testate locali per un paio di centinaia di milioni di dollari, vuol dire che ne vale la pena. Nel Regno Unito, in tema di libri,

The story of [2011] is a decline in physical sales almost being compensated for by a strong performance in digital.

C’è spazio per tenere le posizioni e magari crescere. Guarda caso, periodici e libri sono mercati popolati da editori. I rivenditori del caso, come le librerie, soffrono o chiudono come è accaduto a Borders.

Gli editori hanno armi per contrastare la disintermediazione. I rivenditori no. Quale allora il suggerimento? Diventare meno rivenditori e più editori.

Il rivenditore piazza la merce sul bancone e aspetta. L’editore crea un catalogo, si dà una direzione, promuove, sostiene, consiglia. Apple stessa costruisce le proprie fortune suggerendo acquisti, di hardware, software, musica, film.

La libreria di domani – o il centro computer, o la gioielleria – ha bisogno di editorializzarsi. Darsi una direzione, avere un catalogo (non un elenco), promuovere, sostenere, consigliare. Altrimenti, come qualsiasi altro bancone, ha davanti a sé solo le opzioni di crescere smisuratamente oppure diventare immateriale.

L'autore

  • Lucio Bragagnolo
    Lucio Bragagnolo è giornalista, divulgatore, produttore di contenuti, consulente in comunicazione e media. Si occupa di mondo Apple, informatica e nuove tecnologie con entusiasmo crescente. Nel tempo libero gioca di ruolo, legge, balbetta Lisp e pratica sport di squadra. È sposato felicemente con Stefania e padre apprendista di Lidia e Nive.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.