RISPARMIA IL 15% SU TUTTI I CORSI

Fino al 31 agosto con il codice sconto CORSARO

Scegli il tuo corso e iscriviti!
Home
Ecco cosa farà la carta SIM del futuro

06 Agosto 2004

Ecco cosa farà la carta SIM del futuro

di

Dopo i formati classici D1 e plug-SIM, ne arriva un terzo, il 3FF, rilasciato dal gruppo di lavoro Etsi Project SCP (Smart Card Platform), per le schede SIM destinate ai telefonini di terza generazione. La soluzione è stata quella di ridurre di metà il formato attuale della carta SIM (da 24x15 a 15x12 mm), senza cambiare la posizione standard degli 8 contatti del connettore

I telefoni diventano sempre più piccoli, c’era da aspettarsi che anche le SIM subissero il medesimo trattamento “rimpicciolente”. Un’evoluzione dell’attuale carta SIM, due volte più piccola, è stata concepita per adattarsi alle esigenze della terza generazione di telefonia cellulare, ma le applicazioni potrebbero essere molteplici.

Quali utilizzi?

Molti i dibattiti sollevati in seno al gruppo di lavoro in merito agli utilizzi di questa card, tanto che è stato necessario arrivare a una votazione. Ma, soprattutto, si è evidenziata una spaccatura: da un lato i fautori di un’evoluzione della SIM verso una sorta di “super SIM” che offre funzioni simili a quelle del telefono; dall’altra quelli che vorrebbero la scheda come chiave, mezzo sicuro d’autenticazione per accedere alla Rete. A uscire vincitori dalla diatriba, pare siano stati questi ultimi.

Per i primi, tra cui spicca TIM, il formato 3FF ipoteca troppo le capacità future d’estensione della carta, anche se i suoi 180 mm (contro i 360 mm del formato plug-in) “non soffocano” ancora i circa 25 mm dei più grandi microchip utilizzati finora nelle carte SIM. Ma che succederà tra cinque anni? Gemplus ha presentato già da due anni un prototipo (Sumo): una carta dalla capacità di 512 Mega di memoria flash, ottenuti grazie a una rete di interconnessione flessibile di moduli di memorie integrate.

SCaG (Smart Card Group), uno dei leader della GSM Association, ha già chiesto all’SCP che una prossima generazione di carte UICC-USIM/SIM possa disporre di una banda pari a 15 Mbit/s (contro i 384 kbit/s attuali), cosa che lascia supporre capacità di memoria corrispondenti ad alcune decine o centinaia di Mega sulla carta stessa.

Il progetto europeo Inspired lavora all’ipotesi di Trusted Personal Devices, “super carte” in grado di integrare alcune funzioni tipiche dei terminali. Altri progetti ipotizzano che la carta possa diventare un potente oggetto di DRM (Digital Right Management) grazie alla combinazione di grandi capacità di memoria con potenti mezzi d’autenticazione.

Come potranno, queste evoluzioni, armonizzarsi con le esigenze di una categoria di terminali destinati a diventare sempre più di piccoli? Cosa accadrà quando l’interfaccia di comunicazione diventerà più piccola della carta che deve contenere?

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.