Home
e-shoppers soddisfatti secondo il rapporto Angus Reid

03 Maggio 2000

e-shoppers soddisfatti secondo il rapporto Angus Reid

di

Secondo Angus Reid Group, circa 120 milioni degli stimati 300 milioni di utenti Internet, hanno già effettuato un acquisto online. Contrariamente a numerosi altri studi (più volte citati in EcommerceNews), la maggior parte degli utenti si è definita molto soddisfatta dell’esperienza di acquisto e solo una minoranza ha riferito di truffe o problemi di sicurezza.

Lo studio è stato condotto su un campione di 28.374 utenti Internet e consumatori intervistati dal vivo o telefonicamente in 34 Paesi nel mese di dicembre 1999.

Secondo i risultati, il 54% delle transazioni avviene per il momento in America: il compratore statunitense online “tipo” ha effettuato sette acquisti nei tre mesi precedenti per un totale di 828 dollari. Il compratore online cosiddetto “globale” (cioè riferito ai dati di tutti i Paesi) ha invece speso meno di 500 dollari

La maggior parte degli intervistati si è avvicinata all’e-commerce con sessioni di navigazione dedicate al reperimento di informazioni su prodotti e servizi. I prodotti più acquistati sono risultati i libri (37%), hardware e software (21%), musica (20%), abbigliamento (17%).

Tornando al grado di soddisfazione, il 71% si dichiara molto soddisfatto e il 22% abbastanza soddisfatto. Un dato davvero in controtendenza rispetto a indagini altrettanto autorevoli. Va però detto che questo sondaggio è stato effettuato subito prima del periodo natalizio, prima cioè che emergessero numerosi problemi di consegna della merce acquistata online.

Gli utenti del Nord America nel 75% dei casi scelgono il pagamento tramite carta di credito, mentre in Europa e Asia l’uso della carta di credito viene utilizzato mediamente tanto quanto il contrassegno e la rimessa anticipata tramite banca.

L’affermazione degli acquisti online è certamente in sintonia con i dati sulle vendite di alcuni dei più grandi siti di e-commerce che, a fronte di bilanci ancora in rosso, registrano per l’anno fiscale appena concluso decine di milioni di dollari (Drugstore.com) se non centinaia (eToy, Amazon) di vendite in Rete.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.