FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
Duello Dell-Apple per il settore educativo

30 Gennaio 2000

Duello Dell-Apple per il settore educativo

di

La competizione fra i due rivali informatici si è accesa quando Dell, basata sui dati forniti da Dataquest, ha diffuso un comunicato in cui si auto-proclamava leader del settore.

Tradizionalmente il mercato USA dell’educazione è stato da sempre guidato da Apple Computer, un primato recentemente sempre più sotto la minaccia dell’avanzare di Dell Computer. Alcuni esperti e dati sembrano anzi indicare che il sorpasso sia già avvenuto. La competizione fra i due rivali informatici si è accesa a partire dallo scorso ottobre, quando Dell diffondeva un comunicato in cui si auto-proclamava leader del settore didattico. Posizione basata sui dati forniti da Dataquest che riportavano una crescita pari al 113 per cento nel secondo trimestre dell’azienda riguardo le spedizioni di PC agli istituti scolastici del territorio statunitense. Ma il mese successivo Apple replicava che tali cifre concernevano soltanto i canali di distribuzione tradizionali, mentre gran parte dei computer della società di Cupertino arrivano da qui direttamente alle scuole. Ergo, la supremazia spettava ancora alle macchine della Mela. Scenario confermato recentemente da un’altra agenzia specializzata, Quality Education Data, per la quale l’hardware Apple coprirerebbe il 22 per cento del settore, contro il 15,8 della Dell.

Comunque vada, la battaglia si fa sempre più serrata. Ciò anche per via delle aggressive iniziative tese a portare online tutte le scuole. Lo ha tra l’altro appena confermato il Presidente Clinton nel suo ultimo State of the Union. Entro quest’anno si prevede infatti che il 98 per cento degli istituti scolastici USA saranno dotati di accesso diretto a Internet, una crescita del 35 per cento rispetto al 1994.

L'autore

  • Bernardo Parrella
    Bernardo Parrella è un giornalista freelance, traduttore e attivista su temi legati a media e culture digitali. Collabora dagli Stati Uniti con varie testate, tra cui Wired e La Stampa online.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.