FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
Dischi a stato solido troppo difettosi

20 Marzo 2008

Dischi a stato solido troppo difettosi

di

Avian Securities ha rilevato che i nuovi dischi SSD sono dieci volte più delicati di quelli tradizionali

L’archiviazione dati su hard-disk è ancora la soluzione più sicura. Lo conferma l’ultima indagine della Avian Securities sui nuovi dischi a stato solido (SSD), ovvero le soluzioni di storage di nuova generazione che utilizzano unicamente l’elettronica dello stato solido per la memorizzazione delle informazioni digitali.

Secondo Avian Securities, il 10% dei dischi SSD istallati sui notebook dei più importanti marchi sarebbe soggetto a malfunzionamenti. E in alcuni casi vi sarebbero anche punte del 20/30%. Insomma, un SSD rischierebbe la rottura dieci volte di più rispetto agli hard disk comuni.

Dell, inoltre, rincara la dose: i suoi tecnici sostengono che un disco SSD può essere più lento di uno tradizionale con applicazioni come Outlook, ma anche nel video streaming. L’unica soluzione, al momento, parrebbe essere quella di affidarsi alla nuova generazione SSD, caratterizzata da capienze di 128 e 256 GB e chip multi-level cell (MLC) più veloci.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.