Home
Digitalcity, la biennale della cybercultura

15 Marzo 1999

Digitalcity, la biennale della cybercultura

di

Un evento di incontri e riflessioni sulle multiformi espressioni della cultura cyber

Internet avrà, come il cinema e le arti figurative, la sua biennale, la cui prima edizione si terrà a Parma dal 25 al 27 Marzo ’99. Parteciperanno De Kerckove, Mitchell, Meyrowitz, Rheingold, Dery, Worwick e Kellock.

Luigi Boschi, ideatore e responsabile del progetto Digitalcity, presentando l’iniziativa ha sottolineato come sia ormai importante “creare le condizioni culturali per accogliere le forme della cyberscienza. Se il nostro Paese non si muove presto – ha sottolineato Boschi – saranno soprattutto le giovani generazioni a pagarne le conseguenze.

La rete ci porta a una nuova modalità d’azione, dove la ricerca e la creatività prendono il posto della ripetizione. Digitalcity potrebbe costituire quella prima occasione d’incontro e riflessione sulle multiformi espressioni della cultura cyber.

Giuseppe Papagno, prorettore dell’Università di Parma, dal canto suo, ha suggerito l’ipotesi che le università possano ricoprire oggi un ruolo analogo a quello che in passato ricoprivano i porti del Mediterraneo: crocevie di razze, culture, saperi e commercio. “Per questo motivo – ha sostenuto – l’Università di Parma ha sposato con piacere questo progetto”.

L’appuntamento con i maggiori esperti internazionali del settore è quindi a Digitalcity che il 25, 26 e 27 Marzo porterà a Parma studiosi, scrittori, professionisti e operatori come De Kerckove, Mitchell, Meyrowitz, Rheingold, Dery, Worwick, Kellock. Ma anche i rappresentanti delle reti civiche italiane, delle case di produzione hardware e software, nonché editori, giornalisti e politici nazionali ed europei.

L'autore

  • Redazione Apogeonline
    Nella cura dei contenuti di questo sito si sono avvicendate negli anni tantissime persone: Redazione di Apogeonline è il nome collettivo di tutti noi.
    Non pensare che abbiamo scelto questa formula per non rendere merito o prendere le distanze da chi ha scritto qualcosa! Piuttosto in alcuni casi l'abbiamo utilizzata nella convinzione che non aggiungesse valore al testo sapere a chi appartenesse la penna – anzi la tastiera – di chi l'ha prodotto.

    Per contattarci usa il modulo di contatto che trovi qui.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.