ULTIMI 4 POSTI

Corso | LANGUAGE DESIGN: PROGETTARE CON LE PAROLE | Milano 28 ottobre

Iscriviti ora
Home
Digital Inside

23 Maggio 2014

Digital Inside

di

I dolori del giovane figlio dell'editore nel trovare la strada maestra alla sostenibilità del business basato sui bit.

Al New York Times un comitato ha lavorato sei mesi ad analizzare l’offerta digitale del quotidiano e avanzare proposte migliorative. Ne è uscito un rapporto di 96 pagine, che BuzzFeed ha saputo procurarsi e pubblicare.

Il comitato, guidato dal reporter A.G. Sulzberger figlio dell’editore Arthur, evidenzia le problematiche di una struttura che ancora pubblica in digitale in base ai tempi di produzione della carta e che appena pensa di avere capito la rete vede spostarsi il bersaglio: il Times riesce a incassare denaro dal digitale grazie al proprio paywall, ma il traffico sulla home page diminuisce: i modi di leggere si trasformano, i concorrenti ne inventano ogni giorno una nuova.

Molti commentatori – tra gli italiani segnalo Luca Sofri su Wittgenstein, con un post dal sintomatico titolo Professione promoter – si sono soffermati sulla necessità di trovare modi efficaci di ampliare la propria audience senza sacrificare per questo la qualità dei contenuti:

Chi arriva dalla stampa è abituato al fatto che se passa il vaglio dell’editore e arriva sulla carta, troverà un pubblico. Per il giornalista digitale è esattamente l’opposto. Capire che bisogna rintracciare il pubblico – non arriverà da solo – è stato trasformativo.

La questione esiste eppure è sopravvalutata. L’idea darwiniana del SEO (la sopravvivenza del più meccanicizzato) e la prassi relativista dell’autopromozione ossessiva (la legge del più onnipresente) sono la continuazione con altri mezzi delle strategie dell’editoria cartacea sul presidio di edicole e librerie. È finita che gli editori cartacei meno lungimiranti sono diventati schiavi del proprio distributore. Gli editori digitali meno validi diventeranno alla lunga schiavi dell’algoritmo.

Il problema è quell’alla lunga, capace di mettere a rischio la sopravvivenza delle realtà digitali di maggior valore. Come cavarsela nel periodo di interregno che ci separa dalla rinascita che, racconta Richard Nash per tramite di Giuseppe Granieri, sarà post-industriale?

La ricetta parte dalla constatazione che gli editori tradizionali possiedono una conoscenza dei meccanismi che pare insita nel loro genoma. Sono editori dentro, prima di ogni altra considerazione. Il Times insiste sull’idea del digital first (anche se produce studi che filtrano all’esterno come fotocopie); servirà invece il digital inside. Interiorizzare i meccanismi della rete fino a poterli trascurare e concentrarsi sulla qualità, esattamente come un Indro Montanelli poteva dattiloscrivere sulla sua Lettera 22 e avere la prima pagina già stampata nella mente.

L'autore

  • Lucio Bragagnolo
    Lucio Bragagnolo è giornalista, divulgatore, produttore di contenuti, consulente in comunicazione e media. Si occupa di mondo Apple, informatica e nuove tecnologie con entusiasmo crescente. Nel tempo libero gioca di ruolo, legge, balbetta Lisp e pratica sport di squadra. È sposato felicemente con Stefania e padre apprendista di Lidia e Nive.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.