RISPARMIA IL 15% SU TUTTI I CORSI

Fino al 31 agosto con il codice sconto CORSARO

Scegli il tuo corso e iscriviti!
Home
Dietro la quinta

19 Marzo 2012

Dietro la quinta

di

Il ritmo intenso con il quale si susseguono le nuove versioni del sistema operativo non si traduce in una altrettanto rapida adozione sugli apparecchi in vendita.

In questi giorni sono diversi i rumors relativi alla prossima versione di Android, numerata 5.0 sotto il nome in codice di Jelly Bean. È addirittura trapelato il nome della release successiva, che sembra si chiamerà Key Lime Pie. Questa velocità con cui le diverse versioni della piattaforma vengono messe sul mercato può essere vista come un fatto positivo per quello che riguarda la concorrenza sul campo dell’innovazione, ma rappresenta un grosso problema a proposito della frammentazione dei dispositivi.

I vari produttori come Samsung, LG, Sony dedicano moltissime risorse alla realizzazione di macchine sempre più efficienti, ma si dimenticano spesso di coloro che hanno speso anche più di 500 euro per accorgersi poi come il loro dispositivo non venga aggiornato alle versioni più recenti e perda velocemente di valore.

D’altro canto i costruttori devono anche valutare se convenga investire nell’aggiornamento di una versione quando ve ne sarà disponibile molto presto una nuova.

Un altro aspetto importante è poi quello delle applicazioni, che determinano il successo o meno di un dispositivo. Ha senso utilizzare Api della versione 4.0 quando la percentuale di dispositivi che la utilizza è l’1.6%?

Per abbracciare il numero maggiore di possibili acquirenti delle nostre applicazioni, la versione di riferimento è la 2.2 (Froyo), ben sei generazioni indietro. Vale quindi la pena correre così tanto?

L'autore

  • Massimo Carli
    Massimo Carli, dopo essersi occupato per più di dieci anni di applicazioni enterprise in ambiente Java, nel 2003 ha iniziato a interessarsi alle applicazioni mobile, sviluppando per dispositivi Blackberry, iOS e Android. Ha lavorato come Software Engineer per Yahoo! e Facebook ed è attualmente Lead Mobile Engineer per Lloyds Banking Group.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.