RISPARMIA IL 15% SU TUTTI I CORSI

Fino al 31 agosto con il codice sconto CORSARO

Scegli il tuo corso e iscriviti!
Home
Di nuovo sotto accusa i link sponsorizzati di Google

06 Maggio 2004

Di nuovo sotto accusa i link sponsorizzati di Google

di

Adwords, il servizio di link sponsorizzati di Google, continua a creare polemiche. Dopo Bourse des vols, Rentabiliweb e Vuitton, è l'assicuratore Axa ad agire in giudizio per contraffazione di marchio

Axa, terza compagnia di assicurazioni a livello mondiale, ha citato in giudizio Google France per contraffazione di marchio. La prima udienza è fissata per il 10 maggio prossimo, davanti al Tribunal de grande instance di Parigi.

È di nuovo Adwords, servizio di advertising “fai da te” di Google, ad essere nell’occhio del ciclone. A ottobre 2003 si era già verificata una situazione analoga. In quel caso era stata la piccola società francese Viaticum, titolare del marchio Bourse des vols, a citare il motore di ricerca davanti al Tribunal de grande instance di Nanterre. Viaticum ha vinto la causa, ottenendo 75.000 euro a titolo di risarcimento danni. Naturalmente, Google ha impugnato la sentenza.

Adesso è la volta di Axa, che accusa – così come Viaticum e le altre società – il motore di ricerca di avere consentito ad alcuni suoi concorrenti di utilizzare il suo marchio come parola chiave, da far apparire all’interno dei link sponsorizzati.

Intanto, il gruppo Vuitton ha avviato una procedura giudiziaria per contraffazione davanti al tribunale di Parigi. Stessa motivazione per la causa intentata, a Lione, da Rentabiliweb: una società sfrutta il suo marchio nei link sponsorizzati di Google.

Se i processi in corso avranno esito positivo, le cause contro Google potrebbero moltiplicarsi.

Negli Stati Uniti le cose non stanno andando meglio per Google. La società di allestimenti d’interni American Blind and Wallpaper Factory, così come la catena di negozi per animali Pets Warehouse, l’hanno citato in giudizio per contraffazione. L’ultimo annuncio fatto da Google di voler permettere la vendita di marchi come parole chiave senza restrizione, sia negli Stati Uniti sia in Canada, potrebbe causargli innumerevoli future battaglie legali in tutto il Nord America.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.