FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
DEISA chiede a IBM di integrare quattro centri europei di supercomputing

16 Dicembre 2004

DEISA chiede a IBM di integrare quattro centri europei di supercomputing

di

L'obiettivo è di affrontare, al di là delle limitazioni nazionali, importanti sfide inerenti la ricerca ambientale, la bioinformatica, la scienza dei materiali e l'astrofisica

Il Consorzio DEISA (Distributed European Infrastructure for Supercomputing Applications) è un’infrastruttura di ricerca grid-enabled recentemente creata dalla Commissione Europea riunendo otto centri specializzati nel calcolo con supercomputer: IDRIS-CNRS Orsay (Francia), FZJ Julich (Germania), RZG Garching (Germania), CINECA Bologna, EPCC Edinburgo, CSC Helsinki, SARA Amsterdam ed ECMWF Reading (Gran Bretagna).

Tale Consorzio intende creare un sistema di data management globale che permette di condurre progetti scientifici su base transnazionale e dare un impulso alla competitività europea mettendo a disposizione dei ricercatori una potenza di calcolo estrema. Per integrare i diversi centri di supercomputing, DEISA adotterà le tecnologie Grid Computing e Deep Computing di IBM.

L’infrastruttura di supercomputing di DEISA integrerà le diverse piattaforme nazionali a due livelli. Per prima cosa, cluster IBM collegheranno insieme middleware e link di rete dedicati per ottenere una singola immagine di sistema di un supercomputer distribuito. Tale super-cluster distribuito verrà quindi federato con altre piattaforme di calcolo per creare una Grid di supercomputer eterogenea.

La prima fase del super-cluster distribuito IBM integrerà quattro supercomputer, nodi IBM eServer p690, eServer P690+ ed eServer p655 in Germania, Italia e Francia. Questo super-cluster omogeneo comprende 128 rack con 4.000 processori e una potenza di calcolo aggregata vicina ai 26 teraflops. IBM fornirà la consulenza tecnica e effettuerà degli sviluppi
specifici relativamente a GPFS (Global Parallel File System) per una sua interoperabilità a livello geografico. L’ambiente del filesystem condiviso consentirà l’accesso ai dati con le prestazioni necessarie per le attività di data management globale nel super-cluster distribuito, le nuove versioni di GPFS saranno man mano rese disponibili al Consorzio DEISA. Ulteriori
sviluppi sono previsti per la gestione delle risorse di calcolo in modalità multi-cluster geografico.

Attraverso il Consorzio, il data management globale permetterà ai progetti scientifici transnazionali di accedere a un ambiente di calcolo comune comprendente cicli di elaborazione, file e data set. Una delle principali priorità di DEISA, infatti, prevede la realizzazione di un
efficiente file system globale su scala continentale.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.