RISPARMIA IL 15% SU TUTTI I CORSI

Fino al 31 agosto con il codice sconto CORSARO

Scegli il tuo corso e iscriviti!
Home
Da Torino con amore

21 Maggio 2013

Da Torino con amore

di

Tanti giovani, tanta carta, tante cose interessanti al Lingotto anche per un allergico alle fiere e ai grandi eventi in generale.

Ho trascorso una giornata al Salone del libro di Torino 2013 abbastanza di sorpresa. Alle fiere preferisco eventi circoscritti e il piano originale prevedeva il rientro al termine di una succinta presentazione mattutina.

Prediligo eventi più piccoli perché nelle grandi fiere trovo per definizione tutto e il suo contrario. Sono popolate di realtà sostanzialmente impossibili da incontrare altrove e dispersive – per me – quando si tratta di cercare proprio ciò che mi interessa. Si incontrano persone straordinarie e altre meno, in condizioni ambientali che complicano la selezione. Discorsi profondi si alternano a rumore gratuito e nuove idee a vecchi gadget. Ammetto che molto dipenda dalle mie idiosincrasie.

Senza pretesa di misurazioni, confronti, analisi o conclusioni articolate, e forte di una consistente assenza dalle edizioni precedenti, ricordo di questo Salone una quantità impressionante di editori. A tutti i livelli di specializzazione, ai limiti dell'imbarazzante. Se dovessi giudicare dalla mia esperienza, rigetterei tutte quelle considerazioni demografiche che parlano di lettura come cosa da seconda e terza età: escluse comprensibilmente le classi primarie che sciamano spinte dai docenti più che dalla febbre del libro, i giovani ansiosi e appassionati sono tanti, attivi, eclettici. I risultati pare si siano visti, stando alle voci ufficiali:

Ottimi i risultati delle vendite negli stand. Il trend è in crescita per quasi tutti gli editori, compresi i grandi marchi. In generale si è registrato un incremento medio delle vendite del 20% negli stand, dal +10% del gruppo Gems fino all’exploit del +40% di Feltrinelli grazie anche al traino di Zero Zero Zero di Roberto Saviano, di cui sono state vendute più di mille copie. Anche gli altri grandi marchi hanno riscontrato una crescita importante: Mondadori +15%, Einaudi +15%, Rcs +15%.

Il senso comune vuole che i giovani siano più attirati dal digitale che dalla carta tradizionale. Eppure, traboccante di giovani com'era, l'apparenza del Salone diceva carta, carta, carta ovunque. I segni del (problematico) nuovo, intendiamoci, erano bene evidenti: qua e là un Kindle o un succedaneo, stand di case editrici piccole quanto agguerrite che esistono solo nel digitale, la presenza straniante più o meno nell'ombelico della fiera di un espositore improbabile eppure inevitabile di nome Unieuro.

Eterea Edizioni

Eterea Comics & Books, ad alta densità di offerta digitale.

Detto questo, ho visto pulsare la carta e gli scaffali. Stand come Kobo oppure Sony, tanto traboccanti di batterie di e-reader quanto ricchi e curati per attirare gli sguardi e le visite, spiccavano per freddezza, popolati al più da adolescenti stanchi o desiderosi di socializzare a prescindere dalla letteratura. Il movimento, il calore, gli affollamenti interessati riguardavano più gli atomi che i bit.

Sensazioni, impressioni, immaginazioni. Che poi sono risultati tipici del leggere. Quest'anno, in visita inaspettata al Salone del libro, mi sono ritrovato a guardarlo (il libro, il Salone) con amore.

L'autore

  • Lucio Bragagnolo
    Lucio Bragagnolo è giornalista, divulgatore, produttore di contenuti, consulente in comunicazione e media. Si occupa di mondo Apple, informatica e nuove tecnologie con entusiasmo crescente. Nel tempo libero gioca di ruolo, legge, balbetta Lisp e pratica sport di squadra. È sposato felicemente con Stefania e padre apprendista di Lidia e Nive.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.