RISPARMIA IL 15% SU TUTTI I CORSI

Fino al 31 agosto con il codice sconto CORSARO

Scegli il tuo corso e iscriviti!
Home
Crusoe, super-chip con lo zampino di Linus Torvalds

21 Gennaio 2000

Crusoe, super-chip con lo zampino di Linus Torvalds

di

È in arrivo Crusoe, processore “intelligente” per apparecchi mobili in grado di competere direttamente con il nuovo Pentium III. Questo il segreto, gelosamente custodito da tempo, che Transmeta ha finalmente rivelato oggi in una conferenza stampa tenutasi a Saratoga, California. Basato su un’architettura mista hardware/software del tutto innovativa, tale chip usa pochissima energia pur non producendo quasi nessun calore, ed è compatibile con una ventina di sistemi operativi differenti, inclusi Windows 95, 98, NT, 2000 e Linux.

È anzi la stretta connessione tra il sistema open source e Linus Torvalds, assunto due anni fa a tempo pieno dalla stessa Transmeta, l’elemento centrale che negli ultimi tempi ha fatto acquisire fama mondiale alla start-up californiana. Aggiungiamoci l’estrema e inusitata riservatezza imposta finora al progetto Crusoe, unico suo prodotto in quattro anni di vita, e si capirà come l’annuncio ufficiale abbia tenuto un po’ tutti con il fiato sospeso.

Un attesa ben meritata, a giudicare dalle maggiori caratteristiche del Crusoe. Il modello TM3120 gira a 400 MHz, e verrà usato per dispositivi “Web pad” e computer palmari. Il fratello maggiore, TM5400 gira a 700 MHz e apparirà in laptop e notebook. Anche se finora non si sono fatte avanti specifiche aziende di hardware ad offrirne la necessaria implementazione, Crusoe andrà in produzione a metà anno. Secondo Transmeta, il chip da 700 MHz va equiparato al Pentium III 500, ma è superiore di quattro-cinque volte relativamente all’energia alle batterie dei chip standard. In pratica ciò significherà almeno il raddoppio della carica delle batterie dei comuni laptop.

Tra gli applausi dei presenti, nel corso della conferenza stampa Linus Torvalds ha dimostrato le qualità di Crusoe giocando a Quake con un portatile opportunamente equipaggiato. Aveva di fronte addirittura il co-designer del noto videogioco, Dave Taylor, anch’egli impiegato presso Transmeta. La quale, hanno garantito i responsabili, d’ora in poi farà calare l’alone di mistero per essere invece aperta ad ogni opportunità del mercato.

Maggiori dettagli: http://www.transmeta.com/

L'autore

  • Bernardo Parrella
    Bernardo Parrella è un giornalista freelance, traduttore e attivista su temi legati a media e culture digitali. Collabora dagli Stati Uniti con varie testate, tra cui Wired e La Stampa online.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.