FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
Controlli fiscali: le informazioni possono essere acquisite via Internet e dai messaggi di posta elettronica

19 Ottobre 2001

Controlli fiscali: le informazioni possono essere acquisite via Internet e dai messaggi di posta elettronica

di

L'Agenzia per le Entrate ha diffuso una circolare in materia di metodologie per i controlli fiscali. Le novità più rilevanti riguardano la possibilità di acquisire informazioni dalla banca dati della Registration Authority e di controllare la posta elettronica dei soggetti sottoposti a verifica

Le informazioni desumibili dalla casella di posta elettronica possono essere rilevanti ai fini del controllo fiscale.

Lo prevede la circolare 28 settembre 2001, n. 84/E, dell’Agenzia per le Entrate, concernente cinque metodologie, relative ad altrettante categorie economiche – che si affiancano a quelle già predisposte in passato per altre categorie – per l’esecuzione dei controlli fiscali.

Secondo quanto stabilisce il provvedimento, l’attività preparatoria, che precede il controllo, finalizzata ad acquisire notizie sull’oggetto dell’attività d’impresa o sui luoghi di esercizio della stessa, potrà avere ad oggetto anche il rilevamento delle inserzioni pubblicitarie sulle “Pagine gialle” o sulle “Pagine utili”.

Inoltre, in relazione alla presenza di contribuenti da controllare su Internet, i verificatori potranno consultare la banca dati della Registration Authority del Cnr di Pisa.

Nella successiva fase di accesso e di ricerca nei locali aziendali o professionali, considerata la crescente diffusione delle nuove tecnologie, potranno essere sottoposti a controllo, al fine di acquisire informazioni utili, anche i messaggi di posta elettronica.

La circolare equipara, a tal fine, la corrispondenza telematica a quella cartacea: i messaggi già “aperti” saranno direttamente acquisibili, mentre per quelli non ancora letti sarà necessaria la procedura di cui all’art. 3 del d.p.r. 633/72 (autorizzazione del Procuratore della Repubblica o dell’autorità giudiziaria).

Le nuove metodologie riguardano, in particolare, lavori di intonacatura, tinteggiatura e simili, commercio al dettaglio di alimenti e bevande, di confezioni per neonati e bambini, di biancheria personale e di articoli casalinghi.

La circolare contiene, poi, alcune disposizioni per la revisione delle metodologie già predisposte negli anni passati.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.