RISPARMIA IL 15% SU TUTTI I CORSI

Fino al 31 agosto con il codice sconto CORSARO

Scegli il tuo corso e iscriviti!
Home
Continua la battaglia dell’industria della musica contro la pirateria informatica

17 Febbraio 2003

Continua la battaglia dell’industria della musica contro la pirateria informatica

di

Si moltiplicano le offensive dirette a combattere il fenomeno, sempre più diffuso, del download gratuito di file musicali, in violazione del diritto d'autore

Verso la fine dello scorso mese di gennaio, un tribunale di Washington ha emesso una sentenza che ha scosso il mondo di Internet: d’ora in poi, i fornitori di accesso alla rete potranno essere accusati di complicità nella violazione del diritto d’autore commesso da un abbonato, se si rifiutano di fornire il nominativo di quest’ultimo.

Infatti, il giudice americano ha ordinato all’operatore telefonico Verizon di rivelare l’identità di un cliente sospettato di aver scaricato oltre 600 titoli in una sola giornata.

Il caso aveva avuto origine dalla denuncia depositata dalla RIAA contro Verizon, perché quest’ultima si era rifiutata di fornire il nominativo del proprio “abbonato-pirata”, violando così un preciso obbligo impostogli dalla legge del 1998, in materia di protezione del copyright.

L’operatore telefonico si era difeso sostenendo che l’applicazione di quella legge avrebbe messo in pericolo non solo l’anonimato degli internauti, ma anche la libertà stessa degli operatori, che sarebbero così esposti al rischio di continue denunce.

Il giudice, però, non ha condiviso la tesi della convenuta, che ha già proposto appello.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.