Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti
Home
Contestato il rapporto sul commercio elettronico di alcolici

10 Novembre 2003

Contestato il rapporto sul commercio elettronico di alcolici

di

Il presidente dell'associazione al commercio ha liquidato il dibattito come una mera questione di denaro

I rappresentanti della più grande associazione statunitense che rappresenta i rivenditori di alcolici ha dichiarato negli scorsi giorni un parere nettamente negativo sul rapporto di luglio della Federal Trade Commission. Questo rapporto giungeva alla conclusione per cui le barriere alla vendita tra gli stati di alcolici rappresentano un enorme freno per lo sviluppo dell’e-commerce nel settore. La portavoce dell’associazione americana Duggan ha dichiarato che leggi di liberalizzazione per vendite dirette di vino porterebbero subito alla vendita online di birra e superalcolici e faciliterebbe l’acquisto da parte di minori.

Il presidente dell’associazione al commercio ha liquidato il dibattito come una mera questione economica. Infatti il commercio elettronico va contro il sistema di distribuzione degli alcolici negli Stati Uniti. Questo è composto da tre stadi, costituiti dai produttori, grossisti autorizzati e infine i rivenditori, gli unici che possono vendere alla clientela. Con l’emergere di Internet, molti produttori di bevande alcoliche hanno contestato la situazione, e come risultato in 26 stati è permessa la vendita interstatale.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.