REGALA UN CORSO

È facile ed è un modo di dire: segui i tuoi sogni, credo in te!

Scopri come fare in 3 passi
Home
Come contenuti, persone, social media possono aiutare a vendere meglio

26 Maggio 2016

Come contenuti, persone, social media possono aiutare a vendere meglio

di

Sempre meno giorni ci separano dall'appuntamento principe per chi si occupa di social e media. Diamo voce a chi lo animerà.

L’interazione tra attività professionale, rapporti personali e reti sociali può aprire prospettive commerciali inattese. È l’argomento del workshop di Gianluca Diegoli a Social Media Week Milano 2016. Lo abbiamo intervistato.

Apogeonline: Mi avevano detto che la vetrina del negozio non bastava più e che dovevo fare il sito per vendere. Adesso ho fatto il sito ma mi hanno detto che non basta più e devo andare sui social. Perché quello che faccio non basta mai? Quante risorse devo impegnare?

Gianluca Diegoli: Se continui a pensare in una logica di strumento e non di mercato e di sistema di creazione di valore, inteso come qualcosa che migliora la vita delle persone (di una certa cerchia in particolare) tanto che queste sono disposte a pagare per ottenerlo, qualsiasi cosa non sarà mai sufficiente. Non devi andare sui social: devi creare un luogo in cui acquistare sia facile, divertente e conveniente, e promuoverlo, e rendere i tuoi clienti affezionati. Probabilmente i social, ma più che altro i contenuti, sono un buon modo per farlo, tra gli altri.

Qual è la sezione di Social Commerce che ha maggior valore, nella tua esperienza? Quale sarà la parte più importante del tuo workshop alla Social Media Week?

​Le parti su cui tendo a concentrarmi, sia sul libro che nel workshop​, sono essenzialmente due: la prima è nel pensare un modello di business, che tenga conto dell’evoluzione della rete e della società, immaginando come il mobile, il social-messaging, la logistica e forme di abbonamento allo store possono ottenere risultati se combinati con nuovi store più adatti all’esperienza contemporanea degli acquirenti.

Il workshop di Gianluca Diegoli a Social Media Week Milano

Un workshop pragmatico per vedere le reti sociali anche sotto aspetti pratici.

La seconda è sul social proof: cioè su quei condizionamenti che possono creare fiducia e informazione negli acquirenti, basati sulle azioni e contenuti lasciati da altre persone. Le recensioni, le review, gli user generated content, i famigerati influencer eccetera.

Quali sono i social più indicati per impostare una nuova strategia di vendita? Ci sono differenze se punto più sulla vendita offline oppure su quella online?

​Facebook è il padrone della conversione: l’unico social che vende in senso stretto. Instagram sviluppa fedeltà e loyalty, e fruizione continuativa: ottimo per alcuni settori, come il fashion. Pinterest è molto forte nel mondo anglosassone, e sarebbe un ottimo veicolo, se fosse più diffuso in Italia. Twitter è praticamente ridotto a una funzione (pur importante) di customer care. E non dimentichiamoci di YouTube, per advertising e tutorial vari.

Mi parlano di contenuti, ma non riesco bene a capire che cosa si intenda. Ho un’attività, voglio vendere di più, che cosa mi fa vendere di più se vado sui social a dire… che cosa?

​Contenuto è qualsiasi forma di comunicazione per cui sono contento di impiegare tempo: un video, una foto, un testo, qualunque cosa. Per vendere ho bisogno di interessare, informare e convincer​e: come uso i contenuti per fare questo? È quello che insegno.

Ci sono fasce di attività precluse all’utilizzo dei social per sviluppare l’ecommerce? Se la mia offerta è prevalentemente per anziani, devo rinunciare in partenza? Come faccio a sapere che non sto parlando unicamente a ragazzini con pochi soldi e tempo da perdere?

​Ma Facebook è per anziani! 🙂 Per i giovani c’è Snapchat! (scherzo, ma la realtà è sempre molto complessa). Il corso insegna a capire se e quando mi servono social e contenuti. Non è detto che.​

Ci sono casi eclatanti di social commerce che possono aiutarmi a capire? Ne parli nel tuo libro, o ne parlerai nel tuo workshop?

​Non credo esistano casi di social commerce. Semmai casi in cui lo store è diventato una community social, o viceversa. O in cui sono stati usati contenuti per creare interesse su temi cari a una certa audience. Di questo parlerò nel workshop, sennò dico tutto qua! :)​

L'autore

  • Gianluca Diegoli
    Gianluca Diegoli si occupa dal 1997 di business online e di marketing. Dopo l'esperienza manageriale in grandi aziende, dal 2010 è consulente per il retail e co-founder di Digital Update. Insegna all’Università IULM e in Executive Master.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.