Home
Come cambia la Tv

08 Giugno 2007

Come cambia la Tv

di

Quel che si dice in Rete. Un tempo erano le radio, oggi è la Tv a diventare libera. Vodafone e Internet sul cellulare. I problemi del marketing. ZFS e Mac OSX

Nasce la tv libera. Estragon osserva come il fenomeno delle net-tv stia avorendo la nascita di un nuovo fenomeno, quello delle tv libere. Ustream è stato il servizio apripista del genere, oggi affiancato dalle prime prove di trasmissione di Mogulus, che promette, come spiega Alessandro Pagano, la collaborazione di più utenti alla realizzazione di un vero e proprio palinsesto. Maurizio Goetz riflette sulle implicazioni della nuova televisione e su come cambierà i nostri schemi mental. Intanto Dario Salvelli parla di Eyejot, un servizio che consente l’invio di video e-mail. La tv tradizionale non sta però a guardare. Rai lancia infatti il suo nuovo portale per la distribuzione di contenuti video, Rai.tv. a Tommaso Tessarolo e Andrea Toso analizzano il servizio, d’accordo sul fatto che manchi ancora qualcosa: nella fattispecie i contenuti non sono aggiornatissimi e soprattutto sono gli stessi trasmessi in Tv, il che rende il portale una copia di RaiClick. Intanto il videoregistratore, racconta Kay, è diventato obsoleto. A registrare i programmi tv ci pensa Faucet.

Nuove tariffe dati per Vodafone. VoIpBlog analizza la nuova offerta per il collegamento a Internet Mobile di Vodafone, che promette un traffico dati a basso costo, ma inserisce sue pubblicità nel rendering dei siti web. Telcoeye commenta la notizia, osservando come il prezzo non sia poi così concorrenziale. Stefano Quintarelli critica duramente la scelta di inserire pubblicità nei siti navigati dall’utente.

Marketing: siamo ancora fermi? Mafe riflette sul marketing e su quello che la Rete ci ha insegnato, ma ancora abbiamo difficoltà a recepire. Le fa eco Mauro Lupi, che spera che presto le cose si evolvano davvero.

Zettabyte su Mac OSX. Pare che Leopard, la nuova release di Mac OSX, utilizzerà il file system ZFS. Filippo su pLZ Alliance spiega i vantaggi di questa tecnologia.

Stallman e Perens dicono la loro. Biblog è stato alla lectio magistralis dei due guru del software libero, e racconta quel che si è detto.

Fingerprinting, non è un male. Tambu spiega perché il sistema di fingerprinting ideato da SIAE per riconoscere con maggior precisione le canzoni suonate nei locali, sia, nella sua invasività, una benedizione per chi suona.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.