RISPARMIA IL 15% SU TUTTI I CORSI

Fino al 31 agosto con il codice sconto CORSARO

Scegli il tuo corso e iscriviti!
Home
Colpisce anche Internet la repressione cinese contro una setta religiosa

29 Luglio 1999

Colpisce anche Internet la repressione cinese contro una setta religiosa

di

Nei continui raid contro i 100 milioni di aderenti alla setta Falun Gong, il governo cinese sta avendo mano pesante anche su Internet. La settimana scorsa ne ha bloccato il sito Web, diffondendo comunicati per mettere in guardia chiunque contro la disseminazione elettronica di qualsivoglia informazione inerente la setta.

Le pressioni e i controlli governativi hanno portato anche alla temporanea chiusura dei servizi gratuiti di e-mail, ormai assai popolari anche tra i cinesi. China.com ha diffuso l’annuncio di una fermata di 24 ore dovuta a “motivi speciali”, per poi riaprire in realtà dopo oltre 48 ore. Sembra lo stesso sia accaduto a quasi tutti gli altri fornitori di simili servizi gratuiti in lingua cinese.

Recentemente le autorità cinesi hanno arrestato numerosi membri della setta Falun Gong, il cui sito Web aveva prontamente diffuso notizie su tali arresti, usando Internet per informare il resto del mondo come già avvenuto dieci anni fa per i tragici eventi di Piazza Tienanmen.

L'autore

  • Bernardo Parrella
    Bernardo Parrella è un giornalista freelance, traduttore e attivista su temi legati a media e culture digitali. Collabora dagli Stati Uniti con varie testate, tra cui Wired e La Stampa online.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.