FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
Chi protegge chi

15 Marzo 2013

Chi protegge chi

di

Gli amanti delle scelte nette si trovano a mal partito quando tra il bianco e il nero si inseriscono imprevedibili tinte di grigio.

Che il World Wide Web Consortium (W3C) abbia deciso di aprire un gruppo di lavoro sulla protezione anticopia all’interno di HTML5 è cosa nota. Il dibattito in merito inizia tuttavia a farsi inaspettatamente autorevole.

Si è infatti schierato a favore del Digital Rights Management (DRM) come parte delle regole comuni nientemeno che Tim Berners-Lee, padre del Web e autorità riconosciuta alla guida del W3C, con uno storico universalmente riconosciuto a favore dell’apertura e dell’universalità delle tecnologie alla base dell’Internet navigabile. L’argomento è sintetico:

Se non mettiamo in HTML5 le basi per appoggiarci sopra il DRM, la gente semplicemente tornerà a usare Flash.

A Berners-Lee si è contrapposto Cory Doctorow, attraverso un lungo articolo pubblicato sulle pagine virtuali del Guardian:

Il DRM è del tutto inefficace nel prevenire le copie non autorizzate e sospetto che Berners-Lee lo sappia. Quando i tecnici sorvolano sui pericoli del DRM dicono spesso cose tipo “tanto io posso aggirarlo e comunque si accorgeranno presto che non durerà, visto che non funziona, giusto?” Ogni volta che Berners-Lee racconta la storia della nascita del Web, ribadisce che ha potuto inventarlo senza dover chiedere permessi a chicchessia, per spiegare l’importanza di una Internet aperta e neutrale. Ma non comprende che lo scopo precipuo del DRM è obbligare chi vuole innovare a chiedere il permesso.

Sembriamo condannati a dover dibattere ogni problematica del web schiacciati tra promesse di progresso e minacce di restrizioni, con linee di separazione che definire sfumate è un eufemismo. Va contrastato il ritorno sul web di tecnologie proprietarie; si dovrebbe anzi parlare di favorirne la troppo lenta estinzione, visto che Flash o Silverlight hanno tuttora una diffusione enorme, basata solo sulla storia e non più sull’utilità. Ma questo vuol dire appoggiare il dispiegamento controllato e standardizzato, magari allo scopo di promuovere una più veloce attuazione di HTML5, oppure procedere verso un approccio di apertura completa a costo di conflittualità con le grandi multinazionali che vogliono avere voce in capitolo sulla rete come vettore di business?

Più che stare con Berners-Lee o con Doctorow, c’è da decidere se volere un mondo bianco e nero, o con qualche sfumatura di grigio, e nel caso quale. Gli elementi di valutazione sono purtroppo continuamente cangianti.

L'autore

  • Lucio Bragagnolo
    Lucio Bragagnolo è giornalista, divulgatore, produttore di contenuti, consulente in comunicazione e media. Si occupa di mondo Apple, informatica e nuove tecnologie con entusiasmo crescente. Nel tempo libero gioca di ruolo, legge, balbetta Lisp e pratica sport di squadra. È sposato felicemente con Stefania e padre apprendista di Lidia e Nive.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.