REGALA UN CORSO

È facile ed è un modo di dire: segui i tuoi sogni, credo in te!

Scopri come fare in 3 passi
Home
Che cosa c’è sotto la rete

07 Giugno 2013

Che cosa c’è sotto la rete

di

Se i contenuti arrivano puntuali ai nostri browser è anche merito di aziende che lavorano nell'ombra, come Akamai.

Quando usiamo Internet succedono tante cose dietro le quinte, a nostra insaputa. Per una volta non sono una minaccia alla privacy o alla sicurezza. Ne abbiamo intervistato uno specialista: James Kretchmar.

Illustreresti ai nostri lettori Akamai e la sua attività nei termini più comprensibili anche a un non tecnico?

Se avete comprato qualcosa via Internet, scaricato musica, guardato un filmato sul web o lavorato a distanza grazie a un computer e alla rete, avete probabilmente usato l'infrastruttura cloud Akamai senza neanche saperlo. La nostra infrastruttura altamente diffusa, unita al software intelligente che la fa funzionare, aiuta le imprese a condurre business online al massimo di prestazioni, affidabilità, sicurezza e visibilità.

Il nostro obiettivo ultimo è aiutare i siti e le applicazioni web a funzionare quasi istantaneamente, per offrire soluzioni mediali con qualità video superiore, semplificare il trattamento del contenuto dalla partenza all'arrivo, tutelare i siti e le applicazioni web dei nostri clienti dalle insidie alla loro sicurezza.

Se per un giorno il lavoro di Akamai si interrompesse, che differenze noteremmo nella navigazione web, nel guardare filmati, nel praticare giochi di ruolo di massa online…?

Tra i clienti di Akamai annoveriamo le prime trenta aziende al mondo di media e intrattenimento, i venti più grandi siti di commercio elettronico, sette delle prime dieci banche, nove dei dieci maggiori quotidiani e ancora nove dei primi dieci siti social, tutte le aziende di antivirus più affermate e tutte le principali leghe sportive professionistiche americane. Quando così tante realtà di primo piano contano su Akamai per avere prestazioni e sicurezza, è chiaro che una interruzione del servizio avrebbe effetti molto evidenti. Fortunatamente l'infrastruttura distribuita di Akamai è progettata per essere altamente elastica e tempestiva, in modo tale che i servizi offerti dai nostri clienti risultino pressoché sempre accessibili.

Che cosa rappresenta l'Italia per Akamai in termini di traffico Internet? Inoltre, con quale granularità guardate alla rete? Visto che ne parliamo all'indomani della tua partecipazione a State of the Net 2013, avete visibilità su un'area regionale delle dimensioni del Friuli-Venezia Giulia, o addirittura su una città singola come può essere Trieste?

L'eccezionalità di Akamai sta nel progetto della nostra infrastruttura intelligente, realizzata per scoprire continuamente la struttura di Internet e misurarne istantaneamente le prestazioni. Lo facciamo con una granularità molto alta, che permette di indirizzare verso il miglior server Akamai a disposizione anche piccoli gruppi di utilizzatori finali, in base alle condizioni di traffico e di strutturazione della rete esistenti al momento tra quegli utilizzatori e il resto di Internet. Akamai può infatti anche individuare interruzioni nella struttura della rete e spesso trovare un percorso alternativo di accesso alle informazioni se necessario!

Come interpreti la complessità, tema di fondo a State of the Net, relativamente al tuo lavoro e a quello di Akamai?

Internet è diventata negli ultimi anni un ambiente di complessità sempre più elevata. Oggi ci si può collegare alla rete con apparecchi sempre più diversificati, dal tradizionale browser sulla scrivania a cellulari intelligenti, tavolette, televisori, console per videogiochi e così via. È cresciuta la diversificazione anche nella connettività, in fibra ottica, modem via cavo, ADSL, Wi-Fi, reti cellulari, così come nei protocolli, visto l'avvento di IPv6. Questa esplosione di complessità rende difficile organizzare una presenza online che funzioni sempre con soddisfazione.

La sfida per Akamai consiste nel dominare questi sviluppi e amministrare questa complessità a favore dei nostri clienti. Per fare un esempio, il nostro prodotto Aqua ION può erogare siti con aggiustamento delle prestazioni specifico per il browser che viene usato, il tipo di connessione e le condizioni della rete in quel momento. La chiamiamo situational performance, prestazione situazionale, e la forniamo permettendo nel contempo al cliente di curare il proprio sito nella modalità tradizionale, non ottimizzata. Così riduciamo la complessità della sua gestione.

Sappiamo che gli ingredienti sono confidenziali; ma forse puoi dirci qualcosa sulla ricetta segreta di Akamai.

Dopo quindici anni all'avanguardia dell'innovazione su Internet, possiamo fortunatamente presentare un menù di numerose portate, ciascuna con la sua ricetta segreta. La più saporita è comunque il nostro sistema di scelta del miglior server Akamai per ciascuna richiesta proveniente da un utilizzatore finale. Lo scegliamo da uno dei nostri 132 mila server presenti in 86 Paesi di tutto il mondo, in base alle condizioni di rete esistenti in quel momento tra l'utilizzatore e i nostri server. Ricetta straordinariamente complicata, ma risultato eccezionalmente buono!

Qual è stato il vostro più grande picco di traffico?

Akamai lavora sempre su grandi eventi e così si tratta di un record che viene battuto in continuazione. Non possiamo menzionare tutti i nostri clienti, ma tra i grandi eventi abbiamo avuto i Mondiali di calcio del 2010, il matrimonio reale del 2011 tra il principe William e Kate Middleton, i Giochi olimpici di Londra del 2012 e sempre nel 2012 la notte dei risultati delle elezioni presidenziali degli Stati Uniti. Il più grande evento finora registrato è stato tuttavia l'evento Xbox One Reveal, che secondo i dati Xbox ha raccolto più di 8,45 milioni di spettatori nelle prime 24 ore.

Finiamo con una battuta: abbiamo wiki e akamai. Forse la lingua hawaiana è sovrarappresentata su Internet?

Akamai è nata a Cambridge nel Massachusetts, sulla riva del fiume opposta alla città di Boston. Chi conosce i lunghi e freddi inverni bostoniani perdonerà un piccolo favoritismo verso un nome che evoca luoghi caldi e piacevoli!

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.