⚠️ Black Weekend: - 40% su tutti gli EBOOK e i CORSI

Dal 27 al 30 novembre

Sfoglia il catalogo ebook
Home
Buone per fare la pasta (o macchine virtuali)

12 Febbraio 2014

Buone per fare la pasta (o macchine virtuali)

di

Una manifestazione tecnologica importante e trascurata rivela il benvenuto declino di stereotipi vecchi e banali.

Settimana scorsa si è tenuto Women in Open Source Week: un evento internazionale per celebrare le donne impegnate nelle community open source. Iniziative di vario tipo si sono susseguite dal 27 gennaio al 7 febbraio, toccando le principali community di sviluppo aperto: da RedHat a OpenStack, da Joomla! ad Arduino, dai progetti Wikimedia al mondo accademico.
Mi sono messo in testa di scrivere un articolo sul fronte italiano di questa iniziativa e ho sguinzagliato tutti i miei contatti locali per scovare qualche iniziativa, anche piccola, di cui parlare. Esito: zero. Anzi, addirittura le donne da me interpellate (note frequentatrici dell’associazionismo open source italiano) hanno dovuto ammettere di non essere nemmeno a conoscenza della manifestazione.
Peccato. Una simpatica occasione persa. Ma davvero le donne geek sono una specie così rara nel Belpaese? E perché? Una delle interpellate si è prestata almeno per cercare di rispondere a questa domanda. Si chiama Annalisa Minelli e commenta così:

Inutile negare che il problema alla base è di carattere storico-culturale. Tranne rari esempi, la donna italiana non è ancora nelle condizioni di sentirsi pienamente emancipata. Va a finire che le giovani donne imparano più facilmente a fare la pasta (e questo è anche il mio caso!) che ad usare il computer… figuriamoci poi a programmare. [Sorride] L’open source inoltre risulta ancora un tema di nicchia e poco conosciuto, nonostante l’idea rivoluzionaria di Stallman abbia ormai circa trent’anni. Tuttavia sono fiduciosa perché in Italia ci sono diverse eccellenze, che riguardano un po’ anche questo campo; e le comunità attive attorno al software libero stanno crescendo sempre di più, anche nella loro componente femminile.

Annalisa ha una laurea in Ingegneria Ambientale e un dottorato di ricerca in Scienze della Terra e Geotecnologie ed è molto attiva nella community italiana dei software per georeferenziazione e dei dati geografici liberi (vedi GFOSS.it). Ovviamente si trova all’estero a fare ricerca in campo open source, per la precisione presso il Technopôle di Brest-Iroise.
Ricordo che la incontrai la prima volta qualche anno fa ad un workshop in Umbria; e lei non mi insegnò a fare la pasta, bensì a installare una macchina virtuale su Ubuntu. Io – asino – non imparai (in compenso me la cavo abbastanza con la pasta).
Il testo di questo articolo è sotto licenza http://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0/.

L'autore

  • Simone Aliprandi
    Simone Aliprandi è un avvocato che si occupa di consulenza, ricerca e formazione nel campo del diritto d’autore e più in generale del diritto dell’ICT. Responsabile del progetto copyleft-italia.it, è membro del network Array e collabora come docente con alcuni istituti universitari. Ha pubblicato articoli e libri sul mondo delle tecnologie open e della cultura libera, rilasciando tutte le sue opere con licenze di tipo copyleft.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.