OFFERTA DEL GIORNO

Machine Learning con Python in ebook a 6,99€ invece di 24,99€

Risparmia il 72%
Home
Bruciati in un solo giorno i fondi per il commercio elettronico

10 Marzo 2003

Bruciati in un solo giorno i fondi per il commercio elettronico

di

Dopo la massiccia campagna pubblicitaria attuata attraverso i media, il boom di domande ha determinato l'esaurimento dei fondi a disposizione

Il Ministero delle attività produttive, con un decreto del 28 febbraio 2003 – in corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale – ha disposto la sospensione della ricezione delle domande di agevolazione per i bandi relativi agli incentivi in favore del commercio elettronico nel settore tessile, dell’abbigliamento e calzaturiero i cui bandi sono stati emanati con circolari 10 dicembre 2002 n. 900501 e 10 dicembre 2002 n. 900502.

La sospensione è stata disposta in quanto le domande presentate nel primo giorno di apertura del bando (il 27 febbraio 2003) hanno determinato l’esaurimento delle risorse finanziarie disponibili.

Il termine ultimo per la presentazione delle domande avrebbe dovuto essere il 27 maggio 2003: evidentemente il Ministero non aveva fatto bene i conti!

La constatazione è d’obbligo, considerate anche le dimensioni – e i costi – della campagna pubblicitaria che ha preceduto, in queste ultime settimane, l’apertura dei termini per la presentazione delle domande.

Oltre all’elevato numero di spot pubblicitari, il Ministero aveva provveduto ad emanare circolari esplicative di cui è stata data più volte notizia dai media, per far sì che tutti coloro che fossero in possesso dei requisiti richiesti, potessero accedere ai benefici.

L’ultima in ordine di tempo è stata la circolare 17 febbraio 2003, n. 9460, che ha fornito chiarimenti sulle modalità e sulle procedure per la concessione e l’erogazione delle agevolazioni previste nei bandi per le incentivazioni in favore del commercio elettronico e per il collegamento telematico “quick-response”. In base a questa,
anche i liberi professionisti che costituiscono società di servizi avevano i requisiti per ottenere il credito d’imposta al commercio elettronico.

Una domanda sorge spontanea: ma è davvero equo il criterio di “selezione” adottato dal Ministero, basato, a quanto pare, unicamente sulla priorità della presentazione della domanda? Non si espone, poi, al rischio di favoritismi verso chi, magari, aveva avuto qualche “soffiata”?

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.