Home
British Telecom non ha brevettato i link ipertestuali

06 Settembre 2002

British Telecom non ha brevettato i link ipertestuali

di

La nota società inglese ha perso la causa che aveva intrapreso negli Stati Uniti per veder riconosciuto il proprio diritto di utilizzazione esclusiva dei link, in virtù di un brevetto del 1976.

Il giudice americano Collen McMahon ha recentemente respinto l’istanza presentata da British Telecom che affermava di avere inventato e brevettato nel 1976 il primo link ipertestuale e di avere, di conseguenza, il diritto di ottenere una forma di remunerazione da tutti gli attuali utilizzatori di tale invenzione.

La società inglese aveva, infatti, intentato un’azione contro Prodigy, un fornitore d’accesso americano, accusandolo di aver violato il brevetto e, nel giugno 2000, aveva proposto ad altri 16 fornitori d’accesso di acquistare una licenza che avrebbe loro consentito di continuare a utilizzare legittimamente i link.

Nel marzo scorso, però, il giudice aveva già anticipato che il brevetto in questione, detto della “pagina nascosta”, non poteva comprendere anche la nozione di ciò che viene definito link ipertestuale, in quanto tale brevetto – il cui nome è Sargent – descrive semplicemente un sistema nel quale più utilizzatori, grazie a terminali connessi, possono accedere ai dati conservati su un server centrale.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.