Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti
Home
Banditi assaltano la diligenza della Western Union su Internet

13 Settembre 2000

Banditi assaltano la diligenza della Western Union su Internet

di

Western Union ha temporaneamente chiuso il sito. Si sarebbe fatta piratare, a settembre, circa 15.700 numeri di carte di credito

Un duro colpo per la credibilità di una delle più importanti società di trasferimento di denaro, Western Union, nota in tutto il mondo.

Secondo quanto riportato dal “The Rocky Mountain News”, alcuni impiegati occupati al mantenimento regolare del sistema informatico del servizio finanziario avrebbero lascito “scoperti” alcuni accessi, permettendo così ad alcuni pirati di penetrare il sistema.

I numeri rubati appartengono a detentori di carte Master Card e di Visa che avrebbe effettuato vaglia bancari presso la Western Union negli Stati Uniti.

L’atto di pirateria è stato scoperto venerdì 9 settembre, ma il portavoce della Western Union non ha potuto dire da quanto durava il furto.
Western Union, che ha iniziato la sua attività nel 1850, offre i suoi servizi su Internet solamente dal giugno di quest’anno.

Caso vuole, che la Western Union abbia lanciato in luglio, MoneyZap, un servizio di pagamento elettronico.
“I consumatori potranno approfittare della facilità e della comodità di Internet accoppiato al nome sperimentato della Western Union – così dichiarava un comunicato – un leader mondiale nel servizio di trasferimento del denaro”.

Non solo. Il servizio Western Union MoneyZap è stato riconosciuto come uno dei “Best of the Web” dalla rivista Forbes.

Il sito (chiuso) della Western Union all’indirizzo http://www.westernunion.com

Il sito MoneyZap all’indirizzo https://www.moneyzap.com

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.