Home
Avanza il trend dei provider gratuiti in USA

05 Gennaio 2000

Avanza il trend dei provider gratuiti in USA

di

Continua a crescere negli USA il mercato dei provider gratuiti. Soprattutto grazie al successo ottenuto di grandi nomi quali AltaVista, Yahoo!, Kmart, che recentemente hanno affiancato il leader del settore, ancora NetZero.

Secondo alcuni esperti, il trend potrebbe portare a qualche problema per grossi provider come AOL e Microsoft che richiedono il consueto abbonamento mensile. Oltre alla ricerca di nuova utenza, il “free Internet” mira infatti alla reimpostazione delle relazioni già stabilite con i precedenti abbonati. Ma altri analisti mettono in guardia sul fatto che il rapido ingolfarsi del mercato farà presto restringere il denaro complessivo disponibile dalle inserzioni pubblicitarie, principale fonte d’introito per i provider gratuiti. Inserzioni pubblicitarie, è il caso di ricordarlo, che sono sempre presenti nelle varie finestre e che divengono sempre più personalizzati grazie al monitoraggio del surfing.
E quindi molti continueranno a preferire l’obolo mensile pur di non subire eccessive invasioni, privacy inclusa.

Jupiter Communications stima comunque che da qui al 2003, il 13 per cento del mondo online si affiderà ai provider gratuiti.
Mentre altri ritengono che il tutto non farà altro che portare all’abbassamento delle tariffe mensili da parte dei grandi provider come AOL e Microsoft.

L'autore

  • Bernardo Parrella
    Bernardo Parrella è un giornalista freelance, traduttore e attivista su temi legati a media e culture digitali. Collabora dagli Stati Uniti con varie testate, tra cui Wired e La Stampa online.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.