Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti
Home
ATI presenta la serie Radeon 9000: la fine del predominio di Nvidia nel mercato della grafica 3D?

19 Luglio 2002

ATI presenta la serie Radeon 9000: la fine del predominio di Nvidia nel mercato della grafica 3D?

di

I nuovi acceleratori 3D saranno in grado di sfruttare al meglio le direct 9 di Microsoft, offrendo performance superiori alle GeForce 4 più potenti

Dopo quasi due anni di dominio incontrastato di Nvidia nel mercato degli acceleratori 3D, con la concorrenza ridotta ai minimi termini e un gap tecnologico notevole tra l’azienda statunitense e i principali competirors, qualcosa pare finalmente muoversi. ATI, infatti, ha presentato la nuova serie 9000 di chip Radeon che, a detta dell’azienda, dovrebbero raggiungere performance superiori a quelle delle GeForce 4 più potenti attualmente in commercio.

Il nuovo set di chip Radeon, che sarà il cuore di una line apposita di acceleratori 3D, non è un semplice aggiornamento della serie 8500, ma un prodotto completamente diverso e ridisegnato da zero, che sarà commercializzato in diverse fasce di prezzo a partire dai modelli budget, per raggiungere i più performanti e costosi.
In particolare il modello 9700, il top della gamma, sarebbe in grado – secondo alcuni benchmark non ufficiali – di superare con un notevole margine la GeForce 4 Ti 4600 in alcuni test ad alta risoluzione e con l’anti-aliasing attivato.
A conferma della potenza delle nuove schede video ATI è opportuno notare che alcune schede particolarmente performanti richiedono una doppia alimentazione: segno che la potenza di calcolo dei nuovi chip consuma molta energia.

I patiti di gaming 3D, sempre a caccia delle prestazioni più estreme, non dovranno aspettare molto per testare le potenzialità delle nuove schede: il rilascio della versione 9700 è previsto già per agosto, mentre le versioni più economiche saranno commercializzate in autunno. Il prezzo per il modello di punta della casa statunitense dovrebbe attestarsi intorno ai 400 dollari, a seconda della dotazione hardware e software.
Indubbiamente il ritorno di ATI, dopo la delusione per il tentativo di Matrox con Parhelia, come concorrente ufficiale di Nvidia non potrà che fare bene al mercato: c’è da auspicare che la battaglia tra i due contendenti non si giochi solamente sull’eccellenza tecnologica, ma anche sul campo dei prezzi.

L'autore

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.