FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
Arrestati dalla polizia egiziana per aver creato siti gay

17 Gennaio 2003

Arrestati dalla polizia egiziana per aver creato siti gay

di

Ancora un atto di intolleranza della polizia egiziana. Hanno arrestato un gay che aveva creato un sito Web, per ricercare partner.
All’arresto i poliziotti sono giunti dopo avergli teso una trappola.

Il malcapitato è un impiegato di un hotel di lusso del Cairo, di 30 anni. Aveva pubblicato sul suo sito le sue foto, su una pagina intitolata “single dreamer” e invitava persone giovani come lui a incontrarlo.

I poliziotti si sono fatti passare per partner potenziali, hanno iniziato a conversare con lui su Internet e gli hanno fissato un appuntamento. Una volta incontrato hanno proceduto all’arresto.

Non è il primo arresto di questo genere in Egitto. A fine dicembre dello scorso anno, un giovane dentista che aveva creato uno stesso tipo di sito era stato arrestato nel medesimo modo.

Anche se l’omosessualità non figura tra i crimini elencati esplicitamente dalla legge egiziana, fondata sulla charia (la legge islamica), non è tollerata dalle autorità.
Per colpire queste persone, allora, si fa richiamo alle molte leggi che sanzionano i comportamenti contrari al buon costume, a condizione che tali atti siano provati.

È grottesco notare come questi comportamenti intolleranti siano espressi nei paesi del nord Africa, a religione musulmana e in buona parte dell’Italia del Nord, culla della lotta senza tregua all’immigrazione proprio da quei paesi dove vige la charia.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.