FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
Ancora polemiche per i filtri nei computer delle biblioteche americane

12 Marzo 2003

Ancora polemiche per i filtri nei computer delle biblioteche americane

di

La Corte Suprema americana sta esaminando la legge che prevede l'imposizione, alle biblioteche e alle scuole, di filtri che impediscano l'accesso a siti aventi carattere pornografico. Questa legge era stata duramente contestata da molte associazioni e persino dalla città di S. Francisco

La Corte Suprema americana, nei giorni scorsi, ha avviato l’esame del CIPA (Children’s Internet Protection Act), nella parte in cui prevede l’obbligo, per le biblioteche pubbliche e le scuole americane di installare, se non vogliono perdere le sovvenzioni loro destinate, filtri – quali per esempio Websense e N2H2 – che consentano di impedire l’accesso, attraverso i loro computer, ai siti Internet che abbiano contenuti riguardanti la pornografia infantile, o giudicati osceni o nocivi per i minori.

Le sovvenzioni federali di questo genere, a partire dal 1999, sono pari a circa un miliardo di dollari e possono rappresentare il 90% del budget delle dotazioni tecnologiche di una biblioteca.

Questa legge, emanata nel dicembre del 2000 ed entrata in vigore il 20 aprile 2001, però, è stata sin da subito contestata da molte associazioni.

In particolare, l’ACLU, un’organizzazione statunitense per la difesa delle libertà e l’American Library Association, che raggruppa tutte le biblioteche americane, già nel 2001 avevano intrapreso un’azione giudiziaria, accusando la legge di violare il primo emendamento della costituzione americana.

Secondo i rappresentanti di queste organizzazioni, l’introduzione di filtri di questo tipo avrebbe costituito un ostacolo alla realizzazione del principale obiettivo delle biblioteche pubbliche, che è quello di mettere a disposizione di una comunità di utenti, il più possibile differenziata, il maggior numero di informazioni possibile.

In quel contesto, anche le autorità di San Francisco, in California, avevano per lo stesso motivo deciso di eliminare dai computer della biblioteca i software di filtraggio che consentivano di controllare gli accessi alla Rete, sostenendo che la presenza dei dispositivi imposti dal CIPA avrebbe costituito un ulteriore elemento di discriminazione sociale, in quanto i frequentatori principali degli accessi pubblici a Internet sono gli appartenenti alle minoranze etniche che non hanno la possibilità di connettersi alla Rete privatamente.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.