REGALA UN CORSO

È facile ed è un modo di dire: segui i tuoi sogni, credo in te!

Scopri come fare in 3 passi
Home
Anche il New York Times ha il proprio dilemma

29 Novembre 2013

Anche il New York Times ha il proprio dilemma

di

Le tecniche per affrontare con speranze di successo un monopolio somigliano a quelle per superare l'ostacolo digitale.

L’altroieri si scriveva a proposito di monopoli come, più che invocare l’intervento pubblico e una legislazione punitiva, la ricetta per farcela stia nel battere il monopolista in velocità e visione strategica.

Difficile e faticosa da mettere in pratica – altrimenti non sarebbe vincente – la ricetta è utile anche per convivere con la crescente digitalizzazione dei media e della lettura, come testimonia Ron Miller su Citeworld a proposito del New York Times, monumento dell’editoria quotidiana americana che, nonostante Internet, ha gli stessi dipendenti di dieci anni fa e tirature cartacee paragonabili. Nonostante gli stessi problemi di tutti:

Il giornale fronteggia il classico dilemma dell’innovatore. Da un lato deve continuare a esprimere un prodotto di qualità e disporre di uno staff adeguato per facilitare il lavoro. Dall’altro, la stampa vede i fatturati pubblicitari decrescere, mentre il pubblico non mostra grande volontà di pagare per le notizie online.

La strategia del Times consiste nello sfruttare la posizione di forza e di redditività che occupa nel mercato classico per avviare nuovi canali di comunicazione che portino fatturato alternativo, destinato a compensare quello cartaceo in progressiva contrazione. Dagli ultimi risultati finanziari, il fatturato digitale costituisce oltre il dieci percento di quello globale ed è cresciuto di un quarto rispetto a un anno fa.

Per arrivare a questo risultato sono state intraprese strade prevedibili, come un paywall (accesso a pagamento) che solo l’uno percento dei lettori ha accettato, sufficiente però a raccogliere quantità apprezzabili di denaro; e molto meno prevedibili, come si può vedere dall’offerta mobile del quotidiano. Accanto alle app tradizionali ne sono nate di non convenzionali, come quella per il cruciverba della testata, una guida a New York e monografie software su moda e immobili.

Velocità e visione strategica, dunque. Più la capacità e la volontà di affrontare il cambiamento e provare strade nuove, anche a costo di sbagliare qualche decisione o di inciampare nel percorso. Un’azienda che si muove solo su terreno sicuro finirà, in caso di evoluzioni impreviste, per essere tagliata fuori dall’innovazione e perdere terreno. Per andare avanti occorre essere disposti a prevedere errori e perdite. Il dilemma dell’innovatore, appunto.

L'autore

  • Lucio Bragagnolo
    Lucio Bragagnolo è giornalista, divulgatore, produttore di contenuti, consulente in comunicazione e media. Si occupa di mondo Apple, informatica e nuove tecnologie con entusiasmo crescente. Nel tempo libero gioca di ruolo, legge, balbetta Lisp e pratica sport di squadra. È sposato felicemente con Stefania e padre apprendista di Lidia e Nive.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.