Home
Amazon e il suo premio al vuoto letterario

13 Novembre 2013

Amazon e il suo premio al vuoto letterario

di

Un libro di pagine vuote va in cima alle classifiche a ricordarci che quella di scrivere è anche una responsabilità.

Affrontare lo stunt, il numero acrobatico di Luca Fadda, che ha fatto scalare le classifiche di Amazon al proprio libro gratuito Il nulla contenente una breve introduzione e 345 pagine bianche, per il gesto in quanto tale è inutile.

Inutile girare attorno al tema della beffa al meccanismo o al sistema, figuriamoci ad Amazon. Il libro vuoto Tutto quello che gli uomini sanno delle donne è già storia e l’inevitabile risposta ha reso la materia definitivamente stucchevole. Su Internet nessuno sa che sei un cane da vent’anni e Twitter straborda di provinciali 2.0 che creano identità fake nel nome della satira, ignorando di lambire al più la goliardia. The Onion e The Daily Currant prosperano su notizie dichiaratamente false che finiscono anche sui nostri autorevoli quotidiani online. Si buttava sabbia negli ingranaggi anche quando c’era l’analogico e l’effetto, per non dire del talento, era ben altro. L’aspetto che preferisco della vicenda è questo, nel commento di Andrea Coccia su Linkiesta:

Insomma, non è il self publishing in sé il problema, ma tutti coloro che lo usano senza sapere nemmeno da che parte si comincia a scrivere un libro, spesso senza essere lettori e senza avere nessuna velleità letteraria. Il sospetto di chi scrive queste righe è che, dietro questa esplosione di autopubblicazioni ci sia un grande paradosso che rende il fenomeno estraneo alla letteratura. Parlo dello scrivere per poter dire di averlo fatto, e non, come sarebbe normale per tutte le attività umane, semplicemente per farlo.

Millanta sono gli articoli su come scrivere un ebook, zero quelli sulla responsabilità di farlo, verso sé e verso il pubblico. Tema, la responsabilità, che si può allargare rapidamente: i blog che dedicano più tempo al SEO che ai contenuti, il marketing digitale disposto a qualsiasi bassezza per raccattare un Mi piace in più, i meccanismi automatici di riciclo del contenuto a livelli irredimibili, le pagine gonfie di banner senza alcuna dignità.

Il self publishing di infima qualità (un testo sgrammaticato, scialbo, finto o scopiazzato, scrive Fadda) è solo una traccia più evidente dell’inquinamento generalizzato dell’ambiente Web, più o meno come le isole galleggianti di rifiuti o le montagne di e-waste. Proprio come le persone con una coscienza buttano la cartaccia nel cestino e non per terra, quelle con un valore letterario puntano sui contenuti invece che sui metadati. Fadda ha certo stabilito un precedente; da oggi non si può più puntare sul contenuto zero. Anche se, tornando al divario tra analogico e digitale, 4’33” ha tutt’altra portata.

L'autore

  • Lucio Bragagnolo
    Lucio Bragagnolo è giornalista, divulgatore, produttore di contenuti, consulente in comunicazione e media. Si occupa di mondo Apple, informatica e nuove tecnologie con entusiasmo crescente. Nel tempo libero gioca di ruolo, legge, balbetta Lisp e pratica sport di squadra. È sposato felicemente con Stefania e padre apprendista di Lidia e Nive.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.