Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti al corso sui Big Data
Home
Altri 200 mila siti interdetti ai sauditi

03 Maggio 2001

Altri 200 mila siti interdetti ai sauditi

di

Le autorità saudite stanno prendendo provvedimenti per bloccare l’accesso a circa 200 mila siti Internet giudicati con contenuti contrari ai costumi morali.

L’interdizione ad accedere a questi siti, porta a 400 mila i siti ai quali i sudditi del regno conservatore non potranno più visitare.

La rete Internet è stata introdotta da circa due anni in Arabia Saudita ed è costantemente sorvegliata da vicino da un dipartimento della “Città del re Abdel Aziz per la scienza e la tecnica”, che ha il compito di filtrare i siti consultabili e bloccare quelli che sono ritenuti contrari alla morale.

Secondo quanto riportato dai responsabili della Città, il 95 % degli indirizzi bloccati ospitano siti a carattere pornografico e il 5 % ha contenuti politici e sociali non tollerati nel paese.

Una censura in piena regola che non si limita, dunque, solo ai costumi sessuali, ma che tocca anche la sfera politica e della libertà di pensiero.

Proprio il mufti dell’Arabia Saudita ha invitato i fedeli musulmani (tutti quindi) a boicottare il sito Internet di Yahoo!, quando aveva introdotto il commercio di articoli pornografici sulle proprie pagine.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.