Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti
Home
Al Circolo polare artico si studia con Internet

14 Marzo 2002

Al Circolo polare artico si studia con Internet

di

L’Università dell’Artico era stata fondata su Internet nel giugno del 2001. Il suo scopo, permettere ai suoi studenti, tutti abitanti della regione del circolo polare artico, di seguire studi superiori e anche di conoscere meglio usi e costumi delle altre comunità che popolano le regioni più settentrionali del pianeta.

“Questo mi da nuove possibilità – dice Pauline Knudsen, Inuit di 41 anni e madre di tre bambini, raggiunta dalla France Presse al telefono a Nuuk in Groenlandia, nei pressi del circolo polare artico – mi permette di studiare in un luogo dove non ci sono scuole o università importanti”.

L’Università virtuale offre possibilità di apprendimento inimmaginabili finora sia a lei che a tutti gli studenti iscritti ai corsi proposti dalle 33 istituzioni di 8 paesi partecipanti a questa originale e utile avventura comune.

Il motto, infatti, di questa istituzione scolastica è “nel nord, per il nord e dal nord”. Niente a che fare, ovviamente, con la cultura padana.

“L’idea è venuta in risposta alla mancanza di risorse di cui soffre l’insegnamento superiore nelle regioni del nord”, spiega Scott Forrest, dell’ufficio di coordinamento dell’Università dell’Artico con sede a Rovaniemi, capitale della Lapponia finlandese.

La futura dottoressa, Pauline Kunudsen spiega che sta preparando una laurea breve in storia e cultura all’Università di Groenlandia, membro dell’Università dell’Artico e specializzata nello studio del territorio locale e artico.

I suoi studi comprendono anche una “Introduzione al mondo polare” lanciato su Internet quest’anno e insegnato da un professore dello Yukon College, in Canada.

I paesi che hanno aderito alla riuscita di questa impresa educativa e formativa sono Stati Uniti, Canada, Danimarca (Groenlandia), Islanda, Finlandia, Norvegia, Russia e Svezia.
I fondi arrivano dagli istituti scolastici membri di questo consorzio.

Sono circa 150 gli studenti del Centro di insegnamento della regione samè (SAKK) di Inari a 328 chilometri dal circolo polare.
“Per la nostra scuola è importante cooperare con altri popoli indigeni nel mondo”, dice il responsabile degli scambi internazionali della scuola.

“Dopotutto, i problemi dei popoli indigeni sono gli stessi dappertutto”, conclude.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.