FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
A scuola di Web Writing

06 Aprile 2001

A scuola di Web Writing

di

Si impara a scrivere per Internet al corso di "Web Writing" dell'Ateneo Multimediale. Il 19 e 20 aprile a Milano

Il Web ha un suo linguaggio specifico, che impone uno stile di scrittura semplice ed essenziale. Una metafora proposta da Beppe Severgnini rende bene l’idea di come la scrittura sulla Rete sia diversa: “Scrivere sul Web assomiglia a una sciata nella neve fresca: se conosci bene le tecniche di discesa non hai nessuna difficoltà”. Obiettivo del corso di “Web Writing” all’Ateneo Multimediale è fornire gli strumenti per “sciare in neve fresca”, adattandosi alla nuova forma di linguaggio.

Le lezioni, che dureranno due giorni (dalle 9 alle 18, giovedì 19 e venerdì 20 aprile), sono rivolte a addetti stampa, comunicatori d’azienda e di agenzia, giornalisti, e a tutti gli amanti della scrittura che desiderano aggiornarsi sulla cultura e sullo stile del Web.

Il docente è Alessandro Lucchini, autore dei libri “Scrivere, una fatica nera” (1996) e “Business writing. Scrivere nell’era di Internet” (2000). Da tempo, Lucchini, conduce ricerche e tiene corsi sulla business writing. Nelle due giornate all’Ateneo Multimediale sarà coadiuvato da Mariella Governo, responsabile dell’ufficio stampa e relazioni esterne di Smau, che darà la sua testimonianza sul Web writing.

Si parte con le “tre fasi della scrittura”: pre-writing, free-writing e re-writing. L’insegnamento di Lucchini sta nel sapere riconoscere le fasi attribuendo a ognuna il proprio tempo e la propria funzione. Nella “pre-writing” viene mostrata la psicologia e la tecnica per superare il blocco iniziale. Nella “free-writing” si stimola al “modo più naturale di scrivere”. Infine, nella “re-writing” si determina il valore del testo.

Il testo viene concepito nella sua struttura come uno spazio geografico, costituito da un inizio, un corpo e una fine. Il corso darà la giusta preparazione per organizzare tale struttura, potenziando le parti più importanti. Dalla previsione del messaggio agli inizi che “inchiodano il lettore alla sedia”, dal corpo centrale, nel quale si organizzano le argomentazioni, fino al “botto finale”.

Farsi capire. È il primo dovere di un business writer. Sul Web basta molto poco per creare ambiguità. Il corso prevede quindi di aiutare a evitare gli errori di interpretazione, educando alla chiarezza e alla sintesi, movendo una vera e propria guerra al linguaggio burocratico delle aziende.

Ottenuta la chiarezza, si passa al secondo dovere di chi scrive per lavoro: raggiungere l’obiettivo. Il corso dedicherà una parte all’insegnamento di tecniche retoriche per aumentare l’impatto visivo e semantico della scrittura. Fino a descrivere il passaggio dal “write the way you speak” al “written speech” di Internet.

Il lettore si annoia facilmente, spesso si distrae, ha fretta. È necessario saper parlare a un interlocutore simile. Chi scrive deve perciò riflettere su come catturare l’attenzione, valutando i rischi da correre, equipaggiandosi al “supermarket delle idee ” (fare, cioè, uso del dizionario), ricorrere a neologismi, citazioni, numeri per “agganciare” chi legge. Questi sono tutti attrezzi del mestiere con i quali si farà la giusta “ginnastica” al corso di Web Writing.

L’attenzione del business writer va non solo al “che cosa” e al “perché”, ma anche al “come”, facendo leva sull’uso del tono e dello stile. Dagli “esercizi di stile” di Queneau all’allenamento sul ritmo, dalla costruzione dello stile personale alle modalità per rafforzare i paragrafi e fluidificare le frasi, il corso di Lucchini servirà a uscire da stereotipi della scrittura e luoghi comuni.

Un testo deve catturare l’attenzione del lettore entro le prime dieci righe, altrimenti verrà abbandonato. Il lettore di Internet è ancora più selettivo: se il testo non interessa, lo accantona in 8 secondi. Inoltre, la lettura a monitor è più faticosa e lenta della carta. Chi scrive per il Web deve tenere in considerazione tutte queste cose. All’Ateneo Multimediale viene data un’opportunità per imparare a usare i “nuovi attrezzi del mestiere”.

Ateneo Multimediale
Viale Monza, 259
20126 MILANO
tel. 02/2576551 fax 02/27000296
Web: www.ateneomultimediale.com
E-mail: [email protected]

L'autore

  • Redazione Apogeonline
    Nella cura dei contenuti di questo sito si sono avvicendate negli anni tantissime persone: Redazione di Apogeonline è il nome collettivo di tutti noi.
    Non pensare che abbiamo scelto questa formula per non rendere merito o prendere le distanze da chi ha scritto qualcosa! Piuttosto in alcuni casi l'abbiamo utilizzata nella convinzione che non aggiungesse valore al testo sapere a chi appartenesse la penna – anzi la tastiera – di chi l'ha prodotto.

    Per contattarci usa il modulo di contatto che trovi qui.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.