PROMOZIONE EBOOK

Dal 1 al 30 settembre tutti gli EBOOK costano la metà

Risparmia il 50%
Home
5 risposte su… come fotografare bene il paesaggio: grandangolo, treppiede, time-lapse, Lightroom e oltre

24 Marzo 2020

5 risposte su… come fotografare bene il paesaggio: grandangolo, treppiede, time-lapse, Lightroom e oltre

di

Quando si tratta di ritrarre un paesaggio, ci vuole niente a scattare; ottenere una immagine memorabile è un’altra cosa.

Le 5 risposte

  1. Perché vogliamo un treppiede capace di divaricare le gambe
  2. Come generare sequenze di foto time-lapse
  3. In che modo evitare che si infiltri luce nel mirino
  4. Quali grandangolari usare e perché
  5. Perché e come aggiungere in Lightroom un filtro ND graduato a una immagine

Perché vogliamo un treppiede capace di divaricare le gambe

Ti capiterà di doverti posizionare molto in basso, sulle rocce di un ruscello o di fronte a un grande elemento in primo piano (magari se stai fotografando con un obiettivo ultra-grandangolare). In questi casi, per abbassare di molto il treppiede, potresti dover divaricare completamente le sue gambe.

Ogni treppiede è diverso, ma in genere le gambe estese normalmente e tirate in posizione orizzontale si agganciano in posizione a un angolo di 45°. Divaricando le gambe potrai andare ben oltre questa posizione di blocco predefinita. Se guardi nella parte superiore di ogni gamba, vicino al punto in cui si innesta sulla piastra centrale (dove colleghi la testa a sfera), dovresti vedere una levetta (come nel riquadro piccolo qui sotto).

Treppiede divaricato

Un buon treppiede permette di divaricarne le gambe fino all’estremo.

Tirando quella levetta (oppure utilizzando il fermo, in base alla marca e al modello del treppiede) dovresti poter divaricare le gambe orizzontalmente, ben oltre il punto di arresto consueto, fin quasi ad appiattirle. Se osservi il sistema di sblocco, dovresti notare due o tre tacche che consentono di divaricare le gambe per abbassare leggermente il treppiede o distenderlo completamente (come nella foto qui sopra, dove il mio treppiede è praticamente sdraiato sul ghiaccio).

La possibilità di adottare un punto di vista ribassato come questo è importante per la fotografia di paesaggio: ecco perché molti treppiedi oggi integrano questa funzione di divaricazione delle gambe.

Torna all’inizio.

Come generare sequenze di foto time-lapse

Ti sei alzato prima dell’alba, o forse hai iniziato a scattare appena prima del tramonto, e sai che dovrai stare lì per almeno un’altra mezz’ora. Le nuvole si muovono nel cielo. Sai cosa sarebbe fantastico? Usare la tua fotocamera di riserva per creare un time-lapse dell’alba o del tramonto.

Molte fotocamere odierne dispongono di questa funzione (se la tua non ce l’ha, puoi ricorrere a un cavo di scatto flessibile dotato di intervallometro, come il Vello ShutterBoss II Timer Remote Switch che uso io).

Posiziona la fotocamera su un treppiede (perché ovviamente non deve muoversi), poi verifica che la batteria sia carica e che la scheda di memoria abbia un sacco di spazio. Imposta la fotocamera sulla modalità con priorità all’apertura, scegli un f/stop (per esempio f/11) che offra una buona profondità e un valore ISO basso, per esempio 100, metti a fuoco utilizzando la messa a fuoco manuale, poi disattivala in modo che sia attiva la modalità di messa a fuoco manuale.

Pannello di controllo per scattare sequenze di foto time-lapse

Pannello di controllo per scattare sequenze time-lapse su una classica fotocamera professionale.

Nel menu della fotocamera, seleziona Time-Lapse Movie (un time-lapse, che in italiano significa lasso di tempo, è una serie di fermi immagine che, una volta messi insieme, danno vita a una sorta di filmato). Imposta l’intervallo di acquisizione di ogni immagine (per esempio puoi scattare una fotografia ogni 30 secondi oppure ogni 5). Scegli infine il numero totale di scatti desiderato (se vuoi fotografare per 90 minuti con uno scatto ogni 30 secondi, imposta 180 scatti).

Per capire il numero di secondi da lasciar trascorrere tra due scatti in una scena specifica potresti dover eseguire alcuni scatti di prova.

Ora premi il pulsante di scatto (o il pulsante sul cavo di scatto flessibile) per avviare il time-lapse, che si fermerà non appena raggiunte le 180 pose (o il numero che hai scelto).

Ho realizzato un breve video per spiegarti come creare il filmato in time-lapse con Lightroom: lo trovi sulla pagina web del libro.

Torna all’inizio.

In che modo evitare che si infiltri luce nel mirino

Se lasci l’otturatore aperto per lungo tempo, c’è sempre la possibilità che la luce si infiltri nell’immagine attraverso il mirino (a meno che tu non stia usando una fotocamera mirrorless; in questo caso puoi saltare del tutto questa pagina, che è dedicata alle reflex digitali).

La tua fotocamera potrebbe disporre di una piccola levetta da azionare per coprire il mirino (è proprio questo il suo scopo); se non c’è, allora dovrai coprire il mirino con quello che hai a portata di mano.

Evitare che la luce si infiltri nel mirino della fotocamera

Se c’è rischio di infiltrazione di luce nel mirino della fotocamera, occorre scongiurarlo.

Ho visto gente infilare un piccolo pezzo di cartoncino nell’apertura, oppure applicare un pezzetto di nastro isolante nero. Alcune fotocamere hanno un elemento di plastica fissato direttamente alla cinghia della fotocamera (quella originale fornita con l’apparecchio) che può essere staccato e utilizzato per coprire il mirino.

Non importa quale metodo scegli, l’importante è adottarne uno. Tra parentesi, ti sconsiglio di coprire l’apertura con il pollice, perché corri il rischio di toccare per sbaglio la fotocamera e rovinare lo scatto.

Torna all’inizio.

Quali grandangolari usare e perché

Anche se a volte preferirai usare un obiettivo più lungo, l’elemento cardine della fotografia di paesaggio è l’obiettivo grandangolare. Non dovrai in ogni caso esagerare, perché un obiettivo ultra-grandangolare allontana gli oggetti facendo apparire quelle montagne sullo sfondo più lontane di quanto non siano in realtà.

Inoltre, gli obiettivi ultra-grandangolari utilizzano una lente arrotondata che impedisce di avvitare i filtri ND o i polarizzatori senza una complessa predisposizione mediante staffe. Questo è uno di quegli argomenti particolarmente dibattuti online.

Io la vedo così: se devo scegliere un obiettivo grandangolare per i paesaggi, utilizzo un obiettivo 24 mm per le fotocamere a pieno formato e un obiettivo 18 mm per le fotocamere a formato ridotto.

Obiettivo grandangolare

L’obiettivo grandangolare è l’elemento cardine della fotografia di paesaggio.

Naturalmente uno zoom grandangolare offre una flessibilità superiore: un obiettivo 24-105 mm è perfetto per le fotocamere a pieno formato, tanto quanto il più leggero obiettivo 16-35 mm. Non ti servono i pesanti e costosi obiettivi f/2,8 per i paesaggi; un f/4 è più leggero e costa la metà.

A meno che tu non debba fotografare spessissimo il cielo stellato, non userai mai l’impostazione f/2,8 della versione più costosa. Per gli apparecchi a formato ridotto, Tamron propone un valido obiettivo 10-24 mm f/3,5-5,6 dal prezzo contenuto, che ha conquistato numerosi fan tra i fotografi di paesaggi.

In breve, non eccedere con l’ampiezza (non superare 16 mm su una fotocamera a pieno formato e 18 mm su una a formato ridotto) e non tenerti troppo stretto (non meno di 35 mm su una fotocamera a pieno formato e non meno di 24 mm su un modello a formato ridotto).

Torna all’inizio.

Perché e come aggiungere in Lightroom un filtro ND graduato a una immagine

Possiedi un filtro con gradiente di densità neutra, che scurisce il cielo e poi viene sfumato fino alla trasparenza in corrispondenza della linea dell’orizzonte, per far sì che il primo piano e il cielo abbiano entrambi un’esposizione corretta?

Bene. Se invece non possiedi un filtro ND graduato (o se per sbaglio lo hai lasciato nel bagagliaio dell’auto prima di recarti sul luogo delle riprese, cosa che mi accade più spesso di quanto voglia ammettere), puoi utilizzare Filtro graduato in Lightroom o Camera Raw per ottenere lo stesso risultato (con qualche vantaggio in più).

Filtro graduato si trova sulla barra degli strumenti di Lightroom, subito sotto il pannello Istogramma (la sua icona ha l’aspetto di una sfumatura), mentre in Camera Raw si trova sul lato destro della barra degli strumenti nella parte superiore della finestra.

Filtro ND graduato in Lightroom

Un filtro con gradiente a densità neutra (ND): se non ne hai uno fisico, applicalo via software.

Selezionando questo filtro, sul lato destro della finestra vengono visualizzati i relativi cursori, che sono identici e nello stesso ordine di quelli del pannello Base.

  • Per prima cosa devi portare tutti i dispositivi di scorrimento a zero. In Lightroom, fai doppio clic sulla parola Effetto in alto a sinistra nel pannello; in Camera Raw, fai clic sul segno meno a sinistra di Esposizione. Tutti i cursori vengono riportati a zero, tranne Esposizione che viene impostato a –0,50.
  • Ora trascina il cursore Esposizione su –1,00 (uno stop); tieni premuto Maiusc, fai clic nella parte superiore centrale dell’immagine e trascina verso il basso fino a raggiungere la linea dell’orizzonte. In questo modo scurisci la parte superiore del cielo, sfumando gradatamente l’oscuramento verso il basso fino a raggiungere il punto finale, dove l’effetto è assente.
  • Se vuoi scurire ulteriormente il cielo, trascina il cursore Esposizione verso sinistra. Un suggerimento interessante: per rendere il cielo più blu, trascina leggermente a sinistra il cursore Temp (Temperatura).

Torna all’inizio.

Questo articolo richiama contenuti da Fotografare il paesaggio.

Immagine di apertura di Scott Kelby

L'autore

  • Scott Kelby
    Scott Kelby è tra i principali divulgatori al mondo nel campo della manualistica fotografica, nonché editore dell'acclamata rivista Photoshop User. È conduttore del talk show The Grid e tiene workshop e seminari di fotografia digitale in tutto il mondo. Autore pluripremiato, nel corso della sua carriera ha scritto oltre 90 libri.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.

Corsi che potrebbero interessarti

Tutti i corsi
fotografare_per_instagram-home-3 Corso In aula

Fotografare per Instagram

La tua galleria Instagram non ti rispecchia e le tue fotografie non riescono a trovare il pubblico che vorresti? Guardi le foto dei tuoi competitor e non sai come fare per apparire come loro? Il corso di Roberto Cassa è quello che ti serve.

con Roberto Cassa

Fare_una_strategia_di_Content_Design-home Corso Online

Fare una strategia di Content Design

Progettare contenuti che facciano sposare felicemente obiettivi aziendali e bisogni delle persone: un sogno? No, realtà: Nicola Bonora ti spiega quali processi, metodi e strumenti usare.

249,00

con Nicola Bonora

Airbnb-scrivere-l-annuncio-e-capire-le-normative–cover Corso In aula

Airbnb: scrivere l'annuncio e capire le normative

Affittare casa con Airbnb può non essere facile. Se il tuo annuncio non ti convince o se non sei sicuro di essere in regola il corso di Francesca Pilla è quello che ti serve.

con Francesca Pilla


Libri che potrebbero interessarti

Tutti i libri

Fotografare il paesaggio

Guida ai segreti per scattare come un professionista

23,66

24,90€ -5%

di Scott Kelby

Dal tramonto all'alba

Guida alla fotografia notturna

28,41

29,90€ -5%

di Glenn Randall


Articoli che potrebbero interessarti

Tutti gli articoli