Una pioggia di interpretazioni

Sessanta volte uragani/5

di

thumbnail

06

dic

2017

Le rivisitazioni di un insieme di dati possono essere infinite, posta l’esistenza di sufficiente creatività e degli strumenti di base.

[Riproduciamo un articolo di Cole Nussbaumer Knaflic, di cui Apogeo ha pubblicato Data Storytelling, libro con tentativi di imitazione. Il post originale, how you would visualize hurricanes, è tratto dal blog storytelling with data.]

[Gli altri post della serie sono apparsi in data 19 ottobre, 26 ottobre, 8 novembre e 22 novembre.]

Qualche tempo fa ho ripreso dall’Economist un grafico sugli uragani negli Stati Uniti e invitato i lettori a rielaborarlo, per dirmi che titolo avrebbero usato per descriverlo al posto dell’originale Gli uragani in America sono diventati meno frequenti. C’è voluto tempo per scegliere le sessanta migliori proposte [che presentiamo nel corso di più articoli su Apogeonline].

Questo è il grafico originale:

Economist_hurricane.png

Uragani, quanti e di quali intensità, dall’Atlantico a un diagramma.

 

I lettori hanno inviato le proposte più diverse e creative. Qui ne mostriamo una parte.

Gavin M.

Gavin evidenzia una tendenza globale alla diminuzione, notando tuttavia una leggera crescita delle tempeste più gravi:

Hurricane_Gavin.png

Decennio per decennio, qualcosa cresce e qualcos’altro no.

 

Glenn K.

Glenn mostra due visualizzazioni dei dati e commenta così:

Mostro i dati grezzi come medie mobili su periodi di dieci anni. Mentre questo introduce ritardo tra il trend effettivo e la sua visualizzazione, evidenzia una tendenza indipendente dal raggruppamento dei dati in decenni, a sua volta indipendente dalla frequenza. Mostro solo il totale e gli uragani più potenti. Mostro infine il rapporto tra uragani potenti e uragani totali, per vedere se l’intensità del fenomeno sia in aumento (non lo è, ma la frequenza totale sì).

Hurricane_Glenn1.png
Hurricane_Glenn2.png

Il rapporto tra uragani potenti e totali: costante da cento anni.

 

Gregg F.

Gregg (Twitter) invia dal Regno Unito due visualizzazioni, accompagnate dalle seguenti considerazioni:

Il problema maggiore che vedo è il dataset. Gli uragani che toccano gli Stati Uniti interessano più persone, ma così si perde l’andamento totale degli uragani sull’Atlantico: se quest’ultimo cresce, aumenta anche il primo.
Includerei un grafico supplementare per mostrare come gli uragani che colpiscono gli USA lo facciano casualmente rispetto al totale degli uragani, seguendo una tipica distribuzione statistica.
Per me questi diagrammi mostrano il messaggio principale: il numero e l’intensità delle tempeste sono variabili, ma tendono ad aumentare. Da questo segue per logica che aumenti anche il numero di uragani che colpiscono gli USA.

Hurricane_Gregg1.png
Hurricane_Gregg2.png

Gli uragani sull’Atlantico visti da un’ottica non statunitense.

 

Heather A.

Heather (Twitter) concentra l’attenzione sugli uragani più potenti:

Hurricane_Heather.png

L’aumento degli uragani di maggiore potenza è il dato messo in risalto in questo grafico.

 

Ivett K.

Ivett (Twitter) scrive da Budapest:

Mi sono divertita a reimmaginare questo grafico come ulteriore pretesto per leggere il tuo libro. Di passaggio, ho anche imparato molto sugli uragani.

Ivett ha raccontato sul suo blog di come ha proceduto.

Hurricane_Ivett.png

Una rappresentazione più astratta per due tendenze decisamente più concrete.

 

[Presenteremo in altri articoli il resto delle soluzioni fornite dai lettori del blog di Cole Nussbaumer Knaflic. Se i lettori di Apogeonline vogliono cimentarsi nella sfida, possono inviarci il loro lavoro e relative considerazioni all’indirizzo info@apogeonline.com. Il dataset di partenza è scaricabile da Dropbox.]

Data storytelling

Come dare forma convincente ai dati: con una storia.

 




Cole Nussbaumer Knaflic (@storywithdata) ha maturato un'esperienza più che decennale analizzando ed estraendo informazioni da dati per istituti finanziari, aziende, enti no profit e infine Google. Tiene seminari e workshop per organizzazioni che cercano di accrescere il know-how relativo alla presentazione delle informazioni ed è autrice del popolare blog Storytelling with data.

In Rete: www.storytellingwithdata.com

Letto 887 volte | Tag: , , ,

Lascia il tuo commento