Programmazione di eccezione

Soddisfazione alla terza

di

thumbnail

15

mag

2017

Terza edizione per Voxxed Days Ticino, che si conferma essere una delle conferenze da non perdere. Adesso vi spiego perché.

Al primo posto c’è il programma: come l’anno scorso gli organizzatori di Voxxed Days Ticino hanno composto le tre track parallele selezionando i talk con grande attenzione verso i temi di tendenza ma interpretandoli con grande concretezza.

Spazio quindi alle tecnologie emergenti ma cercando di depurarle dall’inevitabile hype che solitamente le circonda e arricchendole invece con l’esperienza di chi le sta usando veramente.

Si parte dal keynote su HTTP/2 di Simone Bordet: un excursus completo sulla nuova versione del protocollo alla base del web con l’obiettivo di fornire nuove idee da provare lunedì.

Claudio Pozzoli e Manuel Ranieri, rispettivamente Chief Technical Officer e Sysadmin di Lastminute Group, hanno chiuso la giornata raccontando l’esperienza maturata affrontando la migrazione del workload di produzione su Kubernetes e illustrandola con dati, ostacoli da superare e racconti dalla sala macchine a esempio di questa concretezza.

Immagine dal talk su Kubernetes a Voxxed Days Ticino 2017

Problemi concreti, tecnologie puntuali, relatori competenti: è Voxxed Days Ticino.

 

In mezzo molti talk interessanti come quello che ha presentato Antonio Sanso, Senior Software Engineer presso Adobe Research, che ha parlato delle insidie di sicurezza e degli errori di implementazione di OAuth2. Con una esposizione molto chiara – e con alcune divertenti digressioni sulla politica in IETF e sulla genesi di OAuth2 – Antonio ha preso ad esempio alcune falle di sicurezza che sono state trovate nelle implementazioni di OAuth2 per spiegare il protocollo e per illustrarne le insidie.

Menzione speciale per l’intervento di Lorenzo Cassulo, che ha affrontato una platea di tecnici parlando invece di comunicazione e di allineamento tra i soggetti partecipanti a vario titolo alla vita di un progetto e raccontando la sua esperienza di product owner maturata sul campo.

Come l’anno scorso, l’evento è stato registrato e sul canale YouTube di Devvox sono già comparsi diversi interventi, per esempio quelli di Lorenzo Nicora sull’Event Sourcing, di Mario Fusco sul Reactive programming in Java e quelli su argomenti come Machine Learning o Graal VM.

Slide da un talk da Voxxed Days Ticino 2017

Un altro momento di Voxxed Days Ticino 2017 terza edizione: talk sempre validi.

 

Rispetto ad altre conferenze italofone, Voxxed Days Ticino spicca anche per la sua formula familiare e accogliente. Una presenza degli sponsor – quest’anno in crescita – mai invadente, un clima molto rilassato e una organizzazione impeccabile hanno reso la giornata del sabato veramente piacevole e professionalmente stimolante. Perfetta per chiacchierare con partecipanti e speaker tra un talk e l’altro e per fare networking.

Se quest’anno ve la siete persa vi consiglio di guardare i video su Youtube e di mettere in programma per l’anno prossimo un salto a Lugano. Io ci sarò.




Andrea C. Granata (@andreacgranata) ha pigiato i primi tasti su un bianco VIC20 quando ancora Internet era in fasce. Un po’ sistemista un po’ sviluppatore, ha una passione per FreeBSD, programmazione in Ruby, metodologie Agile e infrastrutture cloud. Si occupa di Enterprise Architecture e di DevOps per una delle più importanti banche italiane. Nel tempo libero si divide tra la passione per la cucina, il pattinaggio di figura e i viaggi in Oriente.

Letto 862 volte | Tag: , , , , , , , ,

Lascia il tuo commento