Le parole sono mattoni

Nasce una copertina: Language design

di

thumbnail

26

apr

2017

La copertina è il più importante biglietto da visita per un libro. E anche la storia di come viene concepita diventa narrazione.

Abbiamo chiesto ai nostri illustratori di raccontarci il percorso che porta a dare una faccia all’idea di un libro di informatica. Per la rubrica Idee di copertina tocca a Language design. La copertina è di Laura Pittaccio.

Language design

Mi piace pensare che la copertina di un manuale possa suggerire la possibilità di svolgere un lavoro intellettuale attraverso la rappresentazione di un lavoro fisico.

Questo libro parla di parole e di come progettare messagi funzionali alla comunicazione; sono partita quindi immaginando architetti che disegnavano progetti realizzati con le frasi.

Ipotesi dopo ipotesi ho avuto l’idea, proprio per sottolineare l’utilizzo pratico di queste nozioni, di operai alle prese con un muro nelle cui fondamenta si trovano, adeguatamente inserite, le parole.

Language design

Costruire, progettare usabilità grazie alle parole.

 

Trovate questa copertina riuscita, oppure migliorabile? Attendiamo commenti e suggerimenti, qui sotto o sulle nostre pagine social!




Laura Pittaccio (@LauraPittaccio), classe 1986, è nata e cresciuta a Messina e vive attualmente a Bergamo. Si è laureata in Graphic Design a Reggio Calabria nel 2013. Ha lavorato nella grafica e nell’illustrazione collaborando con agenzie pubblicitarie, studi di architettura e sviluppatori web e app. Nel 2016 ha frequentato il MiMaster. Lavora come freelance, in collaborazione con case editrici e quotidiani. Ha pubblicato nell’estate 2016 una rubrica estiva per il Sole 24 Ore. Lavora alle coverbook di Apogeo e per l’associazione Riparte il futuro.

In Rete: https://www.behance.net/laurapittaccio

Letto 1.285 volte | Tag: , ,

Lascia il tuo commento