Verso nuove interfacce

5 trend UX per il 2017

di

thumbnail

15

feb

2017

Microinteractions, zero UI, robot domestici, comandi vocali, responsive design… ecco quali saranno i trend UX del 2017.

Sta prendendo forma il 2017 dell’informatica e vale la pena di provare a stilare quali saranno i trend che accompagneranno il nuovo anno, quali non prenderanno piede e quelli che speriamo abbiano una fine.

Usabilità e Pattern Library

Queste le parole chiave di uno dei più importanti trend del 2017: librerie e linee guida! Per librerie si intende quell’insieme di nomenclature, palette colori, icone e font che rendono omogenea e chiara l’esperienza d’uso di una app, un sito web o una interfaccia utente in generale.

I prossimi trend del design di interfacce saranno guidati da ricche librerie che aiutano a progettare soluzioni di interazione uomo-schermo sempre più coerenti. Ecco un elenco rappresentativo dal quale attingere e farsi guidare durante la progettazione:

Google Noto

Noto è un’idea di Google per disporre finalmente di un linguaggio grafico universale.

 

Addio mobile friendly

Il 2017 sarà l’anno definitivo del mobile first. Non si parlerà più di responsive design e mobile friendly. Google aveva annunciato nel 2015 l’abbandono dell’etichetta mobile friendly nei risultati di ricerca. Un sito web non verrà quindi più contrassegnato per indicarne la buona visualizzazione anche su smartphone.

Google ritiene che ormai oltre l’80 percento dei siti sia ottimizzato e progettato mobile first (c’è un interessante libro dell’UX designer Luke Wroblewski su questa metodologia).

Mobile-Friendly-Label.png

Un esempio di come Google etichettava i siti adatti alla visione mobile. Mai più.

 

SmartHome

Ne Il kit delle case telecomandate abbiamo descritto come i big (Apple e Google) si stavano muovendo nel campo della domotica. Il 2017 potrebbe essere l’anno della domotica. Elettrodomestici connessi in rete, termostati per controllare il riscaldamento e controllo vocale per parlare con la nostra casa.

Lo dimostreranno i risultati della ricerca SmartHome 2016-17 che saranno presentati il 23 febbraio 2017 a Milano durante Osservatori.net Digital Innovation. Tra l’altro verranno svelati questi dati:

  • Il valore del mercato Smart Home in Italia.
  • Il ruolo giocato dalle startup SmartHome nel processo di innovazione.
  • La prospettiva dei consumatori e l’interesse verso prodotti e servizi IoT per la casa.
  • Le strategie di valorizzazione dei dati e la loro trasformazione in conoscenza e opportunità di business.
  • L’impatto di tematiche quali normativa, privacy e cibersicurezza sul futuro della casa connessa.

Sarà anche l’anno dove inizieremo allargare le famiglie con i robot domestici… forse.

Messagging e chatbot

Il 2016 (e in parte anche il 2015) sono stati gli anni del messaging. In modo particolare i chatbot hanno preso piede tra il 2015 e il 2016.

Per questo pensiamo che il 2017 sia l’anno dove le intelligenze artificiali saranno sempre più spesso le voci con le quali ci abitueremo a parlare, anche tramite questi servizi.

Il tema, apparentemente fantascientifico, è di più facile comprensione se si pensa che alcuni customer service delle compagnie telefoniche permettono di chattare con assistenti virtuali, dei ro-bot appunto.

Intanto Alexa (l’intelligenza artificiale di Amazon Echo), prima disponibile solo in inglese, ha ottenuto di recente l’aggiornamento alla lingua tedesca. Questo senza dimenticare Allo, Siri e Cortana.

Realtà Virtuale a 360°

Qualche in-successo del passato (da Second Life fino a oggi) ci ha permesso di capire meglio gli utenti, i loro sentimenti, la percezione che hanno del mondo e delle relazioni con altre persone per realizzare alfine un mondo virtuale “realistico”.

Nel 2017 le esperienze immersive (delle quali abbiamo ampiamente parlato) potrebbero esplodere. In campo cartoon (ricordiamo sempre le Google Spotlight Stories) come nel mondo videoludico (Oculus e Google DayDream), la progettazione di contenuti a 360° sta diventando il must.

Sono anche già nate soluzioni di marketing adversting che non possono passare inosservate. Come Reimagine | Etihad A380 Virtual Reality experience con Nicole Kidman. Il passo verso il cinema a 360° è breve.

I trend da seguire per il 2017 sono più di questi e concluderemo la nostra esposizione in un prossimo articolo.




Val Pin (@v_alpin) lavora da diversi anni nel campo della progettazione dell’interazione in ambito mobile. Smartphone e tablet sono la sua estensione cibernetica. Il suo obiettivo è trovare soluzioni creative tradotte in app e mobile game. Per questo i cartoon e l’intrattenimento a tutto tondo sono il suo ossigeno. Adora i prodotti transmediali e lo storytelling. Ha però un grosso difetto: accumula carta per creare iPad ecologici.

Letto 2.152 volte | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia il tuo commento