Slide by slide

Come (ci) si presenta

di

thumbnail

01

feb

2017

Gli ingredienti ideali per progettare un documento visivo efficace? Rispondono all’acronimo KISS: Keep it simple, stupid!

Se le slide sono troppe, il pubblico si annoia. Se sono troppo poche, è più difficile spiegare. Se contengono tanti muri di testo e poche immagini, peggio ancora, chi ci ascolta scappa a gambe levate e con buone ragioni.

Costruire una buona presentazione è un’arte che richiede un perfetto equilibrio tra cosa si dice e cosa si proietta. Insomma, c’è poco da fare, le nostre parole devono andare a braccetto con i contenuti. Ed è proprio questo il nostro punto di partenza…

Una scena tratta da MadMen: le presentazioni com’erano prima di PowerPoint.

 

I contenuti

A prescindere da quale argomento si stia per trattare, ci sono alcuni elementi che non devono mai mancare. Ad esempio, è sempre bene iniziare presentandosi. È consigliabile avere poche parti scritte, con un font grande e tante immagini. E soprattutto, alternate sempre le informazioni più concrete ai contenuti più emozionali. In conclusione, ringraziate chi è rimasto seduto fino alla fine: non date mai niente per scontato.

Errori in una presentazione

Da evitare il consenso facile, i contenuti non coerenti e… i gattini.

 

Lo strumento

Volete dire addio al vecchio PowerPoint? Keynote non vi soddisfa in fatto di versatilità? Siete pronti per scoprire le funzioni di Adobe Spark e dello scorrimento verticale delle preentazioni. L’impatto visivo è assicurato, anche se non avete alcuna conoscenza di design: sarete guidati nella progettazione e non vi resterà altro da fare che inserire brevi testi e belle foto ad alta risoluzione.

Spark

Lasciatevi ispirare anche dalla galleria di presentazioni di Spark…

 

Le immagini

Il corredo visivo decide una buona parte del vostro successo. Scegliete immagini in un insieme coerente, che non rendano superflua la spiegazione e nemmeno risultino incomprensibili o esoteriche. Attenzione all’eccesso di dettagli, che il pubblico più distante potrebbe non distinguere e un proiettore di qualità modesta non riuscirà a mostrare. Se il pubblico si ricorderà di quello che avete detto associandolo al ricordo delle immagini proiettate, avete fatto centro!

Noun Project

Su Noun Project c’è un’icona per tutto (e tutti), anche per i robot.

 

La struttura

Su Sparkol la copywriter Ffion Lindsay ne suggerisce ben otto, di strutture: dalla montagna che crea suspance ai petali del fiore che raccontano uno stesso concetto da più punti di vista. La più interessante? Senza dubbio quella che Lindsay chiama Falsa partenza: inizialmente la storia sembra prevedibile, ma si interrompe per aprire una parentesi più lunga che porta su tutt’altra strada. Da provare.

Idee di inizio presentazione

Non sapete da che parte iniziare? Provate uno di questi sette metodi!

 

Infine, tre libri possono aiutarvi ad avere tra le mani una presentazione davvero efficace: Don’t make me think di Steve Krug per incrementare il buon senso, Language Design di Yvonne Bindi per migliorare i messaggi, e TED Talks di Chris Anderson. Buona lettura!




Alice Avallone (@aliceavallone) lavora da anni come digital strategist per aziende, enti pubblici e agenzie di comunicazione. Inoltre, insegna e coordina il College Digital della Scuola Holden. Da sette anni dirige Nuok, rivista online di viaggio che conta una redazione di settanta ragazzi in tutto il mondo, diversi riconoscimenti e tre progetti portati in libreria. È autrice di Strategia digitale per Apogeo.

In Rete: nuok.it

Letto 1.112 volte | Tag: , , , , ,

Lascia il tuo commento