Una Rete di scatti d’autore

Tante storie per una foto

di

thumbnail

10

gen

2017

In un mondo sempre più visual, anche la fotografia trova il suo spazio per raccontare storie. Dei fotografi, innanzitutto.

Si può mentire con le fotografie. Si può persino dire la verità, per quanto ciò sia estremamente difficile. Il luogo comune vuole che la fotografia sia specchio del mondo […] il mondo è lo specchio del fotografo.

Oggi si dibatte tra pre e post-verità, viene facile dare ragione a Ferdinando Scianna: anche la fotografia ci mette del suo in una Rete che è diventata ormai incubatore di tante bufale e manipolazioni. Ci sono però progetti digitali che, in tutta la loro semplicità, ribaltano la visione proprio come viene suggerito da Scianna. È il caso del lavoro di Enrico Ratto Maledetti Fotografi, ad esempio, che immortala in efficaci interviste i più grandi fotografi internazionali.

Berengo Gardin

Uno dei “maledetti” è Gianni Berengo Gardin, con un archivio da 1.500.000 foto!

 

Questo genere di iniziative è di grande ispirazione per chi vuole muovere i primi passi, digitale o pellicola non importa. Lo insegnano le tante pubblicazioni online di questi anni, come Widewalls, CactusMag, Don’t Take Pictures, The Laterals e Emaho Magazine. E non ultimo anche All things transient, con una linea editoriale piuttosto precisa. In questo caso, la delicata selezione delle storie da raccontare per immagini fotografiche vira su desolazione, solitudine, silenzio.

Saunders

Carson Saunders ci presenta questa donna: che cosa sarà appena successo?

 

Anche la tematica del viaggio offre parecchie opportunità per imbastire un racconto online. Reaching the Cape è la storia fotografica dei due mesi passati da Matteo Di Giovanni per andare dall’Italia a Capo Nord (e ritorno). Un viaggio attraverso climi e regioni diverse, un’avventura on the road che ha come fulcro la commistione tra l’aspetto tecnologico e quello artigianale. È stato ampiamente finanziato con la piattaforma Kickstarter e gli ingredienti del successo sono stati macchine fotografiche modulabili, protesi realizzate ad hoc, pellicole, stampa artigianale e una buona comunicazione digitale.

Reaching the Cape

Il titolo di questo fotogramma: The Last House Before North Cape, Norway.

 

Ci sono poi esperienze che escono dal monitor ed entrano nella vita reale, come il Centro Italiano della Fotografia a Torino e STILL a Milano, spazi dedicati al mondo della fotografia, in tutte le sue declinazioni, tra mostre, libri, seminari e workshop. Oltre i nostri confini, a Parigi e a New York ci sono studi che portano avanti progetti molto interessanti come Portraits de Villes, una raccolta di libri fotografici che raccontano i tessuti urbani senza i soliti cliché turistici.

Portraits de Villes

Dal web alla strada il passo è breve: un camioncino, buon caffè e tanta arte.

 

Se questa piccola parentesi più analogica vi sta facendo pensare che la carta stampata eserciti ancora un certo fascino sui cultori, allora probabilmente non conoscete The Eyes, un magazine europeo biannuale sulla fotografia con tanto di realtà aumentata.

The Eyes

Si inquadra e si rende reale (ops, virtuale) l’immagine su carta. 

E se dopo questa ampia panoramica volete cimentarvi nel vostro sito personale di scatti… allora date un’ultima occhiata a Viewbook. Semplice, pulito, gratuito.




Alice Avallone (@aliceavallone) lavora da anni come digital strategist per aziende, enti pubblici e agenzie di comunicazione. Inoltre, insegna e coordina il College Digital della Scuola Holden. Da sette anni dirige Nuok, rivista online di viaggio che conta una redazione di settanta ragazzi in tutto il mondo, diversi riconoscimenti e tre progetti portati in libreria. È autrice di Strategia digitale per Apogeo.

In Rete: nuok.it

Letto 2.962 volte | Tag: , , , , , , , , , , , ,

Lascia il tuo commento