Ci piace parlare e fare rete

Social Media Week 2016: sarà sopra la media

di

thumbnail

12

mag

2016

La settimana imperdibile per chi si nutre professionalmente di social media e comunicazione in Rete è alle porte e ne parliamo con gli artefici principali.

Dal 6 al 10 giugno prossimi, Milano ospita la versione italiana della Social Media Week 2016. Noi di Apogeo siano fieri di esserne Content Partner: regaliamo un libro realizzato per l’occasione, organizziamo cinque workshop tenuti da protagonisti (oltretutto al prezzo speciale early bird di soli novantanove euro più IVA ciascuno, fino a domenica 22 maggio) e presenteremo libri durante l’evento. Non bastasse, abbiamo intervistato Marco Massarotto e Gianfranco Chicco, in prima fila nell’organizzazione.

Apogeonline: I numeri della SMW milanese dell’anno scorso sono impressionanti. Numericamente stimate ancora una crescita? Su che cosa puntate, soprattutto?

I risultati di Social Media Week Milano 2015

L’edizione italiana della Social Media Week 2015 è stata partecipatissima.

Marco Massarotto: Sì, quest’anno grazie alla partnership con Apogeo e a un’operazione editoriale unica e innovativa puntiamo a aumentare ancora le partecipazioni fisiche in loco. E anche quelle digitali, la SMW Milan è ormai una community che ogni anno si risveglia e si raduna, sempre più numerosa. I nostri partner, storici e nuovi, che stiamo per annunciare, ci aiuteranno anche in questo.

Che cosa vi piacerebbe vedere emergere a SMW quest’anno, dal dibattito sulla tecnologia invisibile? Qual è la tecnologia invisibile che sta sotto il successo di SMW?

Ci piacerà parlare dei lati meno scontati del digitale, quelli oscuri, più opachi, ma anche quelli luminosi come il design che rende semplici le cose complesse. Dietro il successo della SMW c’è il lavoro di un grande team e di un’agenzia che crede nella diffusione della cultura del digitale e ci investe ogni anno. E c’è la fiducia dei nostri partner, senza cui non sarebbe possibile realizzarla.

La sinergia con food & wine è probabilmente un unicum nel panorama dei grandi eventi della scena. Come è nata l’idea e come avete identificato il giusto partner?

Il Food & Wine ha sempre “fame” di spazio e di attenzione. Non volevamo né limitarlo né fargli invadere troppo la scena, per cui abbiamo pensato di creargli uno spazio a sé. Molto vicino alla SMW ufficiale, ma con più libertà.

Qual è l’ingrediente segreto di SMW come fenomeno planetario? Perché centinaia di migliaia di partecipanti affollano le sedi degli eventi, invece che – provocazione ma non tanto – parlare di social media sui social media?

Gianfranco Chicco: Probabilmente non c’è un ingrediente segreto ma la voglia di comunicare ed interagire delle persone nelle varie città dove SMW viene ospitata ogni anno. Perché la realtà è che anche se siamo più collegati (digitalmente) che mai, incontrarsi fisicamente è un bisogno umano. Certo, sono cambiati i motivi per i quali ci incontriamo di persona e SMW è sempre molto attenta ad offrire contenuti, dibattiti e connessioni fisiche e digitali che siano rilevanti alla realtà di ogni città dove è presente.

Vedete una evoluzione nell’offerta globale che si può trovare in SMW? In che direzione sta andando il dibattito?

Quando SMW è nata nel 2009, si parlava principalmente del fenomeno social media a sé. Piattaforme quali Facebook, Twitter e Foursquare erano relativamente nuove per il mondo professionale (meno per gli early adopter) ed il focus si concentrava fortemente sulle nuove piattaforme, come usarle al meglio eccetera. Oggi si parla meno di social media in senso stretto e più di questo strato digitale che ormai è parte della nostra vita reale. Comportamenti, nuovi linguaggi e modi di comunicare, tecnologie che vanno al di fuori dal mondo tecnologico per influenzare la nostra vita personale e professionale.

I workshop Apogeo a Social Media Week Milano 2016

Cinque workshop di autori Apogeo sui temi del web marketing.

SMW Milano è secondo più metriche l’evento più coinvolgente e partecipato della manifestazione globale. Questo vi dà più influenza o più indipendenza?

Più che indipendenza ci ha dato fiducia. La fiducia di CrowdCentric, la società che ha creato Social Media Week, nel poter gestire SMW Milan come riteniamo sia meglio per il mercato italiano secondo il nostro obiettivo di contribuire alla crescita della cultura digitale del paese. Le metriche poi raccontano in numeri una realtà ormai risaputa: agli italiani piace parlare tanto, anche in Rete!

Il libro Tecnologia invisibile regalato da Apogeo a Social Media Week Milano 2016

Abbiamo anche realizzato un libro gratuito per tutti i visitatori che lo vorranno.




Marco Massarotto ha passato i primi dieci anni della sua vita lavorativa nelle multinazionali della pubblicità, poi è stato a New York e quando è tornato ha capito che aveva voglia di provare a fare qualcosa di nuovo. Da allora beve un sacco di caffè e gestisce Hagakure, una giovane agenzia specializzata in Internet P.R. Lavora con i blog, YouTube, i social media, quello che alcuni chiamano Web 2.0 e lui preferisce chiamare "far dialogare le aziende con le persone attraverso Internet".

In Rete: marcomassarotto.com

Letto 1.778 volte | Tag: , , , , ,

Lascia il tuo commento