4 Commenti

C'è quasi da pensare a una startup

Collirio e orecchiette

di

thumbnail

04

mag

2016

Ostacoli insormontabili sulla scrivania di giudici per i quali la tecnologia non ha ancora raggiunto i traguardi necessari.

Che i giudici italiani non avessero proprio un grande slancio verso la digitalizzazione e la conseguente innovazione del loro modus operandi era cosa già abbastanza nota, anche discussa più volte su queste pagine.

Addirittura a inizio 2015 avevamo sarcasticamente titolato Collirio per i giudici e fatto il verso ad alcune toghe che lamentavano una difficoltà nel rimanere troppe ore con gli occhi fissi sullo schermo di un computer. “Difficoltà” con cui peraltro fanno i conti tutti i giorni e ormai da anni molte altre categorie professionali, senza troppo lamentarsi.

È passato un anno e la questione non pare essere del tutto superata; e anzi si ripropone quasi identica nel Tribunale di Arezzo, dove alcuni avvocati hanno segnalato la presenza nei fascicoli di una strana bozza prestampata di verbale d’udienza che esordisce invitando le parti:

a depositare anche in forma cartacea sia gli atti introduttivi coi relativi documenti, sia le memorie successive e i rispettivi documenti, al fine di agevolare l’esame del materiale processuale e di prevenire sindromi da affaticamento agli occhi.

D’altronde, come giustamente rileva LaLeggePerTutti.it, queste informazioni, che fino a pochi anni fa rimanevano ad un livello di gossip tra colleghi e voci di corridoio, nell’era dei social media diventano presto di pubblico dominio, grazie alla foto scattata dal cellulare di qualche avvocato.

Abitudini da sottolineare

Tranquilli, si può fare anche di “meglio”! Perché limitarsi a scriverlo nei verbali d’udienza o sui cartelli affissi fuori dalla cancellerie e non scriverlo invece in un vero e proprio provvedimento giurisdizionale? E infatti negli stessi giorni un altro giudice, questa volta di Busto Arsizio (tra Milano e Varese), si è espresso in modo simile proprio all’interno di un’ordinanza, intimando alle parti di produrre in formato cartaceo alcuni documenti processuali dato che, a suo avviso,

un giudice per decidere usa sottolineare ed utilizzare brani rilevanti dei documenti, nonché – questo giudice – piegare le pagine dei documenti così da averne pronta disponibilità quando riflette sulla decisione così da non perdere il filo della decisione.

Insomma, lui senza orecchiette agli spigoli dei plichi non si concentra. E per rafforzare la sua posizione, ha pure argomentato così:

rilevato che non può il giudice sottolineare lo schermo del computer ovvero porre orecchiette allo schermo del computer per segnalare le pagine rilevanti dei documenti e non ritiene di sottoporre come costo allo Stato delle copie dei medesimi.

Ha pure cercato di girare la cosa sul fronte del risparmio alla spesa pubblica. Un risparmio che però si scaricherebbe sugli avvocati e di riflesso sulle parti del processo.

Ancora non è chiaro se questo giudice abbia voluto semplicemente lanciare una provocazione o se davvero fosse convinto della bontà di quanto scritto. Fatto sta che il Ministero della Giustizia non sembra aver apprezzato molto la trovata e ha avviato una azione disciplinare contro il magistrato antidigitale.

Il testo di questo articolo è sotto licenza Creative Commons Attribution – Share Alike 4.0.




Simone Aliprandi (@simonealiprandi) ha un dottorato di ricerca in Società dell’Informazione ed è un avvocato che si occupa di consulenza, ricerca e formazione nel campo del diritto d’autore e più in generale del diritto dell’ICT. È responsabile del progetto copyleft-italia.it, è membro del network Array e collabora come docente con alcuni istituti universitari; ha pubblicato articoli e libri sul mondo delle tecnologie open e della cultura libera, rilasciando tutte le sue opere con licenze di tipo copyleft. Maggiori informazioni sul suo blog.

In Rete: www.aliprandi.org

Letto 3.026 volte | Tag: , , , ,

4 commenti

  1. Erix

    Tuttavia c’è del vero: studiare documentazione a video è spesso assai più faticoso, stancante e meno efficiente che farlo su carta, per molti motivi, e la lettura continuativa può davvero causare problemi di salute (a differenza dell’uso, in apparenza altrettanto intenso, per programmazione, disegno, scrittura o impaginazione).

    A maggior ragione se la documentazione non è stata pensata e impaginata per la lettura a video e/o se sono necessarie frequenti consultazioni incrociate.

    Credo di avere qualche decennio di esperienza in merito, sia per quanto riguarda la carta che il video ;-)

    Ad esempio, non trovo problemi nel consultare per ore dei PDF di dati tecnici, ma mi sono appena comprato “Linux device drivers”, pur gratuitamente disponibile, perché la lettura a video era risultata troppo faticosa.

  2. Lucio Bragagnolo

    A essere molto buoni con il giudice, si può pensare a un caso di equipaggiamento inadeguato al compito (e naturalmente testi realizzati per ogni e qualunque scopo tranne consentirne uno studio più produttivo sul digitale che sulla carta).

    Ciò detto, parliamo di cose ben oltre la supposta incapacità del testo digitale di avere orecchiette (bookmark) e sottolineature… per non parlare della gestione di testo e ipertesto. Di Pietro se ricordo bene usava una versione potenziata di HyperCard, più di vent’anni fa.

  3. Erix

    Temo che l’idea di avere link ipertestuali nella documentazione di un processo sia pura fantascienza, anche e non solo per l’origine eterogenea delle varie ‘carte’. Mettiamo dei link nelle scansioni?

    Una combinazione più pratica che ideologica di elementi cartacei e informatici, adattata alle esigenze e alla situazione di fatto (pochi addetti, pochi fondi, poco supporto) potrebbe magari essere più efficiente di entrambe le soluzioni estreme.

  4. Lucio Bragagnolo

    È possibile e non ho conoscenza approfondita del settore. In ogni caso, quello che è dattiloscritto può esserlo a un computer (testo) e quello che è fotocopiato può essere scandito (immagini e documenti come fatture o bilanci).

Lascia il tuo commento