C'è un patto con il lettore

È tempo di rinascere

di

thumbnail

07

set

2015

In una città non piccola un evento tanto naturale quanto desueto come la nascita di una nuova casa editrice.

Semplice come se a raccontarlo fossero i due fondatori: sabato 5 settembre alle 18 mi trovavo a ridosso della piazza centrale di Piacenza, presso una libreria storica della città, in occasione dell’inaugurazione di Papero Editore.

Qualche habitué di eventi mondani da città più grandi avrebbe forse storto il naso. Poche parole un po’ emozionate pronunciate a braccio davanti alla saracinesca abbassata, in mezzo alla strada (tra gli spettatori anche alcuni automobilisti in paziente attesa) e poi l’apertura, con qualche idea editoriale già pronta sugli scaffali. Con questo spirito:

Il Papero – spiegano i fondatori – desidera distinguersi in un panorama editoriale in cui si produce troppo e con negligenza, fioriscono fascette sempre più mirabolanti e si sgomita per conquistare spazio nei supermercati. Intende rispettare il lettore consegnandogli un oggetto di qualità, a un prezzo equo che rispetti i lavoratori e l’ambiente, o in alternativa il file di un libro elettronico che costi sempre poco, non soltanto durante le promozioni che spingono all’acquisto compulsivo, ma non favoriscono la lettura. In ogni caso, sia che si tratti del libro di carta sia che si tratti del libro elettronico, il Papero bada con tutte le sue forze alla qualità del testo, ritenendo che ogni refuso non sia un semplice errore, ma un’infrazione del patto con il lettore.

Tanta gente, che lo sarebbe stata anche in località sulla carta (e sul digitale) più titolate. Nella piazza antistante, un salotto alternativo allestito per l’occasione da Carton Project e spettacoli di vario tipo affiancati al buffet di ordinanza. Niente di provinciale, niente di anacronistico, niente illusioni e molta concretezza.

Inaugurazione di Papero Editore

In molti per strada ad attendere l’apertura inaugurale, un sabato pomeriggio.

Fare editoria di questi tempi si dice sia mestiere complicato, e fare gli editori – avrebbe detto De Gaulle – un vaste programme. Bello che Davide Corona e Gabriele Dadati, pittore e scrittore, abbiano deciso di provarci, con determinazione, idee, umiltà e talento.

Se l’editoria attraversa difficoltà, anche da iniziative come questa può partire una rinascita e speriamo di vederne tante altre. Per oggi è soddisfacente augurare buona navigazione al Papero.

Papero Editore

Sede in una sezione apposita della libreria Berti, una tra le più antiche di Piacenza.




Lucio Bragagnolo (@loox) è giornalista, divulgatore, produttore di contenuti, consulente in comunicazione e media. Si occupa con entusiasmo di mondo Apple e digitalizzazione a scuola e in azienda. Dal 2015 è membro del comitato tecnico-scientifico di LibreItalia. Nel tempo libero gioca di ruolo, legge, balbetta Lisp e pratica sport di squadra. È sposato felicemente con Stefania e padre apprendista di Lidia. Insieme a Luca Accomazzi è autore per Apogeo dei manuali su OS X, tra i quali OS X Server e i recenti OS X 10.11 El Capitan e OS X oltre ogni limite. Con Swift ha fatto tutto da solo.

In Rete: macintelligence.org

Letto 3.695 volte | Tag: , , , , , , , , , , , ,

Lascia il tuo commento